Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Tares: cessazione di attività, immobile non più in grado di produrre rifiuti





Gentile avvocato, sono preoccupata dalla nuova imposta comunale, la Tares. Vorrei sapere quali sono i presupposti del nuovo tributo e come si qualificano i soggetti passivi.
Mi spiego meglio.
Avevo una ditta individuale, un'azienda che produceva pelli e cuoio.
A causa della crisi economica e della concorrenza della Cina, ho cessato la mia attività prima di Natale,chiuso la partita Iva e venduto i beni strumentali ad una società di cinesi operante in Italia.

E' sufficiente denunciare all'ufficio tributi del comune, la cessazione dell'attività, a mezzo della relativa dichiarazione fiscale ovvero, ai fini Tares, occorrono altri adempimenti ???
Resto in attesa di un suo riscontro.

Cordiali saluti.



RISPOSTA



La soggettività passiva della Tares è più ampia rispetto a quella della Tarsu e della Tia. L'articolo 14 comma 3 del decreto legge n. 201 del 2011 prevede che il tributo sia dovuto da chiunque possieda, occupi o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani. Sono escluse dalla tassazione le aree scoperte pertinenziali o accessorie a civili abitazioni e le aree comuni condominiali di cui all’articolo 1117 del codice civile che non siano detenute o occupate in via esclusiva. In caso di utilizzi temporanei di durata non superiore a sei mesi nel corso dello stesso anno solare, il tributo è dovuto soltanto dal possessore dei locali e delle aree a titolo di proprietà, usufrutto, uso, abitazione, superficie.

Il presupposto del tributo quindi è dato alternativamente dal possesso, occupazione, detenzione di locali o aree scoperte, indipendentemente dal loro uso, purché potenzialmente in grado di produrre rifiuti. A pagare la Tares, oltre all'occupante ed al detentore, già soggetti passivi della Tarsu e della Tia, ci sarà anche il possessore di un locale o di un'area. Pensiamo ad esempio al possessore di un locale, nel caso di utilizzo temporaneo dello stesso, ossia in caso di utilizzo infrannuale dell'immobile, non superiore a sei mesi.

Il presupposto fondamentale della Tares è la suscettibilità del locale o dell'area scoperta a produrre rifiuti. Secondo la Corte di Cassazione, sentenza n. 14770 del 15 novembre 2000, la prova contraria atta a dimostrare la inidoneità del bene immobile a produrre rifiuti, resta ad esclusivo carico del contribuente che deve fornire all'amministrazione comunale, tutti gli elementi all'uopo necessari.
Conformemente alla suddetta sentenza, la Cassazione, con sentenze nn. 19459 e 19152 del 2003 e 15658 del 12 agosto 2004, a proposito di non applicabilità della Tarsu, adesso Tares, per avvenuta cessazione dell'attività di oleificio, precisava che l'obbligo di pagamento sussiste ugualmente, in quanto il presupposto legale dell'esonero del tributo, sussiste soltanto quando l'immobile versi in obiettive condizioni di non utilizzabilità, le quali devono essere non soltanto denunciate dal contribuente, a norma dell'articolo 70 comma 1 del decreto legislativo n. 507 del 1993, ma debitamente documentate.

Ai sensi della suddetta norma del decreto legislativo n. 507/1993, i soggetti passivi della Tarsu, adesso Tares, presentano al comune, entro il 20 gennaio successivo all'inizio dell'occupazione o detenzione, denuncia unica dei locali ed aree tassabili siti nel territorio del comune. La denuncia e' redatta sugli appositi modelli predisposti dal comune e dallo stesso messi a disposizione degli utenti presso gli uffici comunali e circoscrizionali.

Secondo la giurisprudenza della Cassazione, oltre che alla luce della normativa sulla Tares, nel tuo caso, non sarà sufficiente comunicare la cessazione dell'attività di produzione di pelli e cuoio, ma sarà necessario documentare agli uffici comunali competenti (ufficio tributi), che l'immobile ove si svolgeva l'attività non è più potenzialmente in grado di produrre rifiuti, ad esempio producendo le fatture di vendita dei beni strumentali, relative alla cessione a terzi, della strumentazione necessaria all'attività produttiva, presente nel locale di tua proprietà.
Inoltre, dovrai dimostrare agli uffici comunali, di avere inviato disdetta circa i contratti relativi alle varie utenze del locale di tua proprietà (luce, gas, acqua etc etc). Ecco, come dimostrare all'ufficio tributi comunale che l'immobile che era stato adibito a sede produttiva e legale dell'attività imprenditoriale, nel 2013 non è più suscettibile, nemmeno potenzialmente, di produrre rifiuti !
Non è sufficiente denunciare la cessazione dell'attività produttiva, industriale artigianale …

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale