Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Diritti ereditari del figlio adottivo





A novembre del 2012 è morto all'età di 50 anni , uno zio di mia moglie scapolo e senza figli e senza fare testamento. Dal notaio che ha curato la successione si sono presentati i due fratelli viventi e , in rappresentanza di cinque fratelli premorti , cinque nipoti figli ciascuno di uno dei fratelli premorti. Esaminando la documentazione allegata alla pratica di successione predisposta dal notaio ho notato però che un nipote invece dei certificati di nascita e stato di famiglia ha presentato una autocertificazione con la quale si dichiara figli del fratello premorto. A domanda ha risposto di essere stato adottato dal fratello dello zio all'età di 12 anni nel 1986. La domanda è : questa nipote ha diritto di partecipare all'eredità dei parenti dell'adottante oppure no?



RISPOSTA



Capisco perfettamente il senso della tua domanda …
Ritieni di fare riferimento all'articolo 567 II comma del codice civile.
Non è così … trattasi, nel caso de quo, di adozione del minore in stato di abbandono, non di adozione del maggiorenne a fini ereditari !!!

Art. 567. Successione dei figli legittimati e adottivi.

Ai figli legittimi sono equiparati i legittimati e gli adottivi.
I figli adottivi sono estranei alla successione dei parenti dell'adottante.

L'articolo 567 cod.civ. prevede una completa equiparazione dei figli legittimati ed adottivi ai figli legittimi. Viene disposto tuttavia che i figli adottivi sono estranei alla successione dei parenti.
Tale regola, attualmente, vale per l'adozione "ordinaria" dei maggiori di età, a fini ereditari.
Il sistema delle adozioni ha subito una radicale riforma con la Legge 4 maggio 1983, n. 184, che ha distinto l'adozione di minorenni dall'adozione “ordinaria” del maggiorenne. L'adozione di minorenne comporta l'acquisto da parte dell'adottato dello stato di figlio legittimo degli adottanti, rispetto all'adozione dei maggiorenni. La configurazione di quest'ultima, al contrario, è rimasta tale e quale quella dell'impianto originario del Codice civile.

Tanto premesso, poiché trattasi di adozione del minore, secondo la legge 184 del 1983, non trova applicazione il comma secondo dell'articolo 567 del codice civile, norma applicabile soltanto alle adozioni ordinarie dei maggiorenni, a soli fini ereditari.

Il nipote pertanto, ha diritto di partecipare all'eredità per rappresentazione, ossia ha diritto di ereditare la quota che sarebbe spettata al suo genitore adottivo.

Siamo a disposizione per tutti i chiarimenti del caso.

Cordiali saluti.

Capo IV - Della rappresentazione

Art. 467 del codice civile. Nozione.


La rappresentazione fa subentrare i discendenti legittimi o naturali nel luogo e nel grado del loro ascendente, in tutti i casi in cui questi non può o non vuole accettare l'eredità o il legato.
Si ha rappresentazione nella successione testamentaria quando il testatore non ha provveduto per il caso in cui l'istituto non possa o non voglia accettare l'eredità o il legato, e sempre che non si tratti di legato di usufrutto o di altro diritto di natura personale.


Art. 468 del codice civile. Soggetti.

La rappresentazione ha luogo, nella linea retta, a favore dei discendenti dei figli, legittimati e adottivi, nonché dei discendenti dei figli naturali del defunto, e, nella linea collaterale, a favore dei discendenti dei fratelli e delle sorelle del defunto. I discendenti possono succedere per rappresentazione anche se hanno rinunziato all'eredità della persona in luogo della quale subentrano, o sono incapaci o indegni di succedere

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale