Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Vendita all'asta immobile per pagare gli assegni di mantenimento arretrati





Nella sentenza di separazione il marito è tenuto al versamento dell'assegno per i figli minori. Successivamente alla separazione il marito acquista un immobile. Banca mutuo circa EUR 200.000,00:

pignoramento immobiliare. Assegni di mantenimento arretrati circa EUR 40,000: intervento nella procedura di pignoramento immobiliare.

L'immobile verrà venduta alla terza asta per circa EUR 150.000,00. L'ex moglie, che nel lasso di tempo tra l'intervento e l'attualità ha maturato altri crediti per assegni successivi e per i quali dovrei fare nuovo precetto, avrà EURO ?



RISPOSTA



La banca è creditore privilegiato, in quanto ipotecario. Quando si concede un mutuo immobiliare, si iscrive contestualmente ipoteca sull'immobile acquistato con il finanziamento dal debitore.

Mi dirai: ma anche i crediti alimentari sono privilegiati, anche per gli assegni di mantenimento sussiste privilegio !
Sì, ma è un privilegio generale sui mobili del debitore … quindi prevale l'ipoteca. Il privilegio speciale prevale sull'ipoteca, mentre l'ipoteca prevale sul privilegio generale !

Sezione II - Dei privilegi sui mobili
Paragrafo 1 - Dei privilegi generali sui mobili

Art. 2751 del codice civile. Crediti per le spese funebri, d'infermità, alimenti.

Hanno privilegio generale sui mobili, nell'ordine che segue, i crediti riguardanti:
1) le spese funebri necessarie secondo gli usi;
2) le spese d'infermità fatte negli ultimi sei mesi della vita del debitore;
3) le somministrazioni di vitto, vesti e alloggio, nei limiti della stretta necessità, fatte al debitore per lui e per la sua famiglia negli ultimi sei mesi;
4) i crediti di alimenti per gli ultimi tre mesi a favore delle persone alle quali gli alimenti sono dovuti per legge.

Tanto premesso, se il ricavato della vendita all'asta sarà di 70.000 euro, se la banca è creditrice di 100.000,00 euro, la moglie non riceverà un solo euro dalla vendita dell'immobile al pubblico incanto.

A disposizione per tutti i chiarimenti del caso.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale