Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Rischi penali nell'affittare/dare in comodato d’uso un immobile ad extracomunitari clandestini





Buonasera, volevo chiedere se corro rischi di natura penale se cedo in comodato d'uso a uso abitativo due immobili a due amiche prostitute extracomunitarie, una ha il permesso di soggiorno e l'altra no. Le ragazze le conosco da 10 anni e, sono tranquillo per quanto riguarda le persone ma, non so se posso avere problemi a causa di controlli da parte di forze dell'ordine o altro. Il comodato è a uso abitativo e che le perone sono extracomunitarie.

Cordiali saluti



RISPOSTA



Probabilmente già conosci la sentenza della Cassazione che afferma che non è reato affittare un immobile ad un clandestino. Né tanto meno, è reato concedere l'immobile in comodato gratuito!
Il proprietario non è tenuto a chiedere il permesso di soggiorno all'inquilino, ma soltanto un valido documento d'identità come il passaporto. Riporto in sintesi il testo della sentenza della Cassazione.

http://www.meltingpot.org/Corte-di-Cassazione-non-e-reato-affittare-un-alloggio-ai.html#.UoSC_PlFXXs

Ad ogni modo tuttavia, sei tenuto a dare comunicazione scritta, all'autorità di pubblica sicurezza (questura), ai sensi dell'articolo 7 del testo unico, norma non modificata dalla legge Bossi-Fini, relativa alla circostanza per cui stai concedendo ospitalità a due straniere, a mezzo di comodato gratuito, entro 48 ore dall'inizio del comodato medesimo.
L’articolo 7 del T.U. sull’immigrazione stabilisce che “Chiunque, a qualsiasi titolo - sia a pagamento sia gratuitamente a titolo di ospitalità anche precaria - dà alloggio ad uno straniero o apolide, anche se parente o affine, o lo assume per qualsiasi causa alle proprie dipendenze, ovvero cede allo stesso la proprietà o il godimento di beni immobili – siano essi rustici o urbani – posti nel territorio dello stato, è tenuto a darne comunicazione scritta entro 48 ore all’autorità locale di pubblica sicurezza”. “La comunicazione - precisa il comma 2 dello stesso articolo 7 - comprende le generalità del denunciante, quelle dello straniero o apolide, gli estremi del passaporto o del documento di identificazione che lo riguardano, l’esatta ubicazione dell’immobile ceduto o in cui la persona è alloggiata, ospitata, o ove presta servizio e il titolo per il quale la comunicazione è dovuta”.

Immagino che tu abbia già fatto la “comunicazione di ospitalità” alla questura …

Trattandosi di comodato ad uso gratuito, non potrebbe configurarsi il reato di sfruttamento della prostituzione (visto che le prostitute in questione, non versano un solo euro nelle tue tasche … ).

Attenzione però …
In caso di controllo da parte delle forze dell'Ordine, la Guardia di finanza esaminerà il tuo conto corrente ed i tuoi depositi bancari e postali (esattamente come esaminerà il conto corrente delle due ragazze). La Guardia di finanza dovrà accertare se questo comodato gratuito sia reale o sia soltanto un modo per mascherare lo sfruttamento della prostituzione.
Se il comodato gratuito è reale, se non maschera altro, se non c'è scambio di denaro di mezzo … non commetti alcun reato.
E' chiaro che potresti essere sottoposto ad indagine per poi essere assolto … questo non lo possiamo escludere.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale