Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Il coniuge non può essere completamente diseredato dall'asse ereditario





Vorrei fare testamento. In questo testamento vorrei escludere mia moglie e lasciare tutto il possibile a mio figlio. Mia moglie 'e una persona inaffidabile economicamnete, temo ripercussoni future sul nostro patrimonio e pertanto vorrei tutelare nella maniera piu' assoluta il minore. Sono coniugato in regime di separazione dei beni ed ho un unico figlio minorenne. Come coniugi abbiamo una casa di proprieta' comune al 50% ciascuno ed io personalmente dispongo di una serie di beni immobili giuntimi a mia volta da eredita' familiare.
Vorrei sapere se una strada perseguibile potrebbe essere l'usufrutto e se in che modo. Oppure se vi sono altre modalita' che possano garantire il mio patrimonio a mio figlio. Grazie



RISPOSTA



Premesso che il coniuge non può essere completamente diseredato con testamento, che ai sensi dell'articolo 542 I comma, alla moglie spetta comunque la quota di legittima pari a 1/3 del tuo asse ereditario, che ai sensi dell'articolo 540 II comma del codice civile, al coniuge spetta il diritto di abitazione relativo alla casa coniugale.

Art. 542 del codice civile. Concorso di coniuge e figli.

Se chi muore lascia, oltre al coniuge, un solo figlio, a quest'ultimo è riservato un terzo del patrimonio ed un altro terzo spetta al coniuge.
Quando i figli sono più di uno, ad essi è complessivamente riservata la metà del patrimonio e al coniuge spetta un quarto del patrimonio del defunto. La divisione tra tutti i figli è effettuata in parti uguali.

Art. 540 del codice civile. Riserva a favore del coniuge.

A favore del coniuge è riservata la metà del patrimonio dell'altro coniuge, salve le disposizioni dell'articolo 542 per il caso di concorso con i figli.
Al coniuge anche quando concorra con altri chiamati, sono riservati i diritti di abitazione sulla casa adibita a residenza familiare e di uso sui mobili che la corredano, se di proprietà del defunto o comuni. Tali diritti gravano sulla porzione disponibile e, qualora questa non sia sufficiente, per il rimanente sulla quota di riserva del coniuge ed eventualmente sulla quota riservata ai figli.


Tanto premesso e considerato, l'unica soluzione percorribile è la seguente: un testamento con cui lasciare la nuda proprietà di tutti i tuoi beni a tuo figlio e l'usufrutto di tutti i tuoi beni a tua moglie.
Così facendo tua moglie non potrà dissipare il patrimonio immobiliare alla tua morte e, al decesso di tua moglie, tuo figlio sarà pieno proprietario di tutte le proprietà dei suoi genitori.

Il testamento olografo è quello scritto interamente di pugno dal testatore. Ecco degli esempio di testamento olografo corretto.

http://www.testamentoolografo.it/esempi-testamento/testamenti-valido.asp

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale