Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Diritto privato - Termini per la riassunzione del processo di usucapione



Euro dalla Svizzera:



La corte della palazzina di due piani in cui abito e' stata oggetto di un procedimento di usucapione. Il Primo Grado e' stato vinto da me. I miei vicini hanno fatto Appello e ho vinto anche questo ma in questo caso il giudice, dopo la perizia di un geometra (CTU), ha sentenziato che io sono proprietario per titolo. I miei vicini hanno fatto ricorso in Cassazione e il responso e' stato che la Corte d'Appello doveva rispondere solo al quesito sull'usucapione, rimandondo tutto alla Corte d'Appello, come dichiarato nella sentenza stessa del gennaio 2009.

1° quesito: Adesso, tutto procede automaticamente oppure i miei vicini devono o io devo procedere ad attivare l'Appello. Insomma chi deve muoversi e se c'e' un termine ?

2° quesito: Che cosa succede della prima sentenza, rimane in vigore dopo l'annullamento dell'Appello da parte della Cassazione ?

3° quesito : Si puo' fare qualcosa per impugnare la decisione della Cassazione ?



RISPOSTA



Il processo deve essere riassunto con atto di citazione dalla controparte, quindi, fino a quando non ti sarà notificato l'atto introduttivo del nuovo processo d'appello non devi compiere alcun atto processuale. Dopo tale notifica, dovrai costituirti in giudizio, rivolgendoti ad un avvocato, nei termini che ti saranno indicati nell'atto di citazione (60 giorni dalla notifica dell'atto di citazione).
Se la controparte non provvederà a notificarti il nuovo atto di citazione nei termini che la Cassazione ha fissato nella sentenza di rinvio, il processo si estinguerà ed avrai vinto il tuo contenzioso, in quanto nessuno potrà eccepire il tuo diritto di proprietà sul bene oggetto della causa. Qundi per il momento, puoi dormire sonni tranquilli.
La sentenza cassata non ha più alcun effetto tra le parti; nel giudizio di rinvio sarà pronunciata una nuova sentenza, alla luce del principio di diritto enucleato dalla Cassazione, nella sentenza di rinvio.
La decisione della Cassazione non è impugnabile, essendo, tale organo giurisdizionale, il giudice supremo del nostro ordinamento giuridico. Cordiali saluti

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale