Diritto di famiglia - Competenza territoriale del tribunale in caso di separazione consensuale e di separazione giudiziale



Diana da Roma:



Buon giorno Avvocato,sono Diana,vorrei chiedere informazione per separazione: Ci abitavamo a Roma, ma per lavoro del mio marito ,ci siamo trasferiti a Pescara.Ma miei (non nostri) figli,nipoti,sono rimasti a Roma,vorrei tornare anche io ,e per questo non so dove posso chiedere separazione, per me sarebbe meglio a Roma,per non sprecare il tempo per viaggi,ma non so se possibile,siamo residente a Pescara.

E cosa fare per primo:trasferire a Roma e chiedere la separazione, o chiedere la separazione e poi trasferirsi a Roma?

Grazie,con affetto Diana.



RISPOSTA



La competenza territoriale del Tribunale, in caso di separazione dei coniugi, è determinata dalla residenza degli stessi al momento dell'inizio del processo (deposito del ricorso), in caso di separazione consensuale.
Se tuo marito non è d'accordo con te, circa la separazione, dovrai iniziare un processo per ottenere la separazione giudiziale; in tal caso la competenza è data dalla residenza del coniuge convenuto, cioè dal coniuge che non ha chiesto la separazione giudiziale.
Pertanto se sarai tu a presentare ricorso, la competenza del tribunale sarà determinata dalla residenza di tuo marito; in tal caso non sarebbe opportuno per te spostare la residenza. In estrema sintesi: se siete d'accordo circa la separazione, spostate entrambi la residenza a Roma. Se tuo marito non è d'accordo riguardo la separazione, e non ha intenzione di spostare la residenza a Roma, dovrai presentare il ricorso presso il Tribunale di Pescara.
Cerca di convincere tuo marito a spostare la sua residenza a Roma. In bocca al lupo. Cordiali saluti