Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Diritto di Famiglia - Richiesta del coniuge di assegno di mantenimento a seguito di mutamento delle condizioni economiche. Ricorso al tribunale in camera di consiglio e assistenza di un avvocato. Sentenza di divorzio emessa dopo tre anni dalla sentenza di separazione dei coniugi. Presupposti per un ricorso alla Sacra Rota.



Angela da Ravenna:



Sono divorziata (consensuale) dal 2004, separazione avvenuta per mia scelta a seguito di tradimento e altro.In sede di sep/divorzio non ho chiesto nulla al mio ex marito, nonostante notevole deterioramento del tenore di vita e disparità di redditi. Lui e suo padre mi liquidarono anche trattenendo parte della mia quota per la vendita della ns casa, cosa per cui MIO padre ancora mi insulta!

Ora, lui vuole chiedere l'annullamento alla Sacra Rota e dice che può farlo anche senza il mio consenso. Premetto che non ci sono motivi "veri" per appellarsi alla S.Rota ma solo convenienza. Oltre ad avermi ferito per l'ennesima volta, io non vedo perchè dovrei rinnegare il mio matrimonio seppur finito male.

Vorrei pertanto chiedere due cose: è indispensabile la mia firma per ottenere l'annullamento alla S.Rota o può davvero fare senza il mio consenso? Posso io ora, a distanza di 4 anni dimostrando uno stato di bisogno e di notevole differenza di reddito (io ho una casa di proprietà, lavoro a 1000euro al mese, pago mutuo di 500mese e sono costretta a fare tutto l'anno 2 lavori extra per vivere) chiedere ed ottenere l'assegno di divorzio? Rimango in attesa di un vs cortese aiuto.
Grazie mille Angela



RISPOSTA



Per ricorrere alla Sacra Rota è necessario il consenso e la firma in calce al ricorso dell’interessato; non è ammessa in alcun caso, una sostituzione processuale del coniuge.
Puoi presentare ricorso al Tribunale in Camera di Consiglio, per chiedere che ti venga corrisposto mensilmente un assegno di mantenimento, se le tue condizioni economiche sono mutate rispetto al momento del deposito della sentenza di scioglimento del matrimonio.
E’ necessaria l’assistenza di un legale per la redazione del ricorso e la rappresentanza in giudizio. A mio parere, hai ottime possibilità di far condannare il tuo ex marito al pagamento dell’assegno a te dovuto.
Cordiali saluti

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale