Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Eredità - Quota di eredità spettante ai due eredi. la mamma è morta lasciando l'appartamento in eredità ai suoi due figli



Alberto da Macerata:



Gentilissimo Avvocato. Al seguito alla sua ultima risposta del 12 marzo 2009. Mi permetto di porle altre domande datosi che ci sono state dei cambiamenti inaspettati. La mia attuale situazione famigliare è la seguente: mia madre è deceduta lasciando solo L’immobile ai due figli eredi viventi.

Il terzo erede figlio celibe è deceduto due anni fa’. La mia domanda è la seguente. Ho ricevuto un’offerta da mio fratello che conviveva con mia madre e mi chiede se sarei propenso di accettare un accordo tra noi due di riscattare la sua quota dell’immobile prima che esso sarà svincolato dalla legge che lo governa non prima dei dieci anni, scadenza 2016.) Sapendo già che lei conosce bene la mia situazione, le chiedo di consigliarmi se questa proposta fattami possa essere fattibile legalmente ed anche quale sarebbe la mia percentuale ereditaria datosi che siamo rimasti solo due eredi?

Salutandola Cordialmente



RISPOSTA



Ricordo perfettamente la tua situazione. La risposta è molto semplice: hai diritto al 50% dell'asse ereditario, pertanto alla metà dell'appartamento. Da un punto di vista giuridica, l'accordo è sicuramente legittimo. E' necessario considerare anche la convenienza dell'offerta dell'altro erede; se ti offrisse la metà del ricavato della vendita dell'appartamento (...e le spese relative alla vendita fossero divise nella stessa misura), la proposta sarebbe di sicuro allettante.
Pertanto se la proposta dovesse essere in questi termini e non ci sono particolari motivi personali per cui non desideri che l'appartamento sia venduto, potresti considerare l'offerta ed accettarla.
Per la valutazione dell'appartamento, ai fini della determinazione del corrispettivo di vendita, vi consiglio di rivolgervi ad un'agenzia immobiliare oppure di consultare le quotazioni relative al valore di mercato degli appartamenti, presenti su internet (Tecnocasa, Toscano immobiliare).
Siamo a tua disposizione per ulteriori consigli e chiarimenti.
Cordiali saluti

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale