Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Cannabis coltivazione domestica condanna :partecipazione concorsi pubblici ed esame di avvocato





Nel marzo del 2007, insieme con due amici ,anch’essi universitari, sono stato denunciato  perché “ illecitamente coltivavano in cucina piante di cannabis indica ( n. 6 piantine ) “.

Il 4 aprile 2009  abbiamo patteggiato ed il Giudice  ha emesso la seguente sentenza :“  visti gli artt. di legge in epigrafe , 62 bis c.p. e ss. c.p.p., su conforme richiesta delle parti, con il riconoscimento delle circostanze attenuanti generiche, e dell’attenuante di cui al V comma dell’art. 73 D.P.R. n. 309/1990, applica ai signori ………., in relazione alla contestazione di coltivazione di cannabis, la pena di mesi 7 di reclusione ed euro 1000,00 di multa ciascuno.

Visti gli artt. 163 e ss. cod. pen. , ordina  che l’esecuzione della pena come sopra applicata rimanga sospesa nei confronti dei predetti per anni 5 alle condizioni di legge.”

Chiedo :
1)Tale condanna potrebbe comportare la non iscrizione all’ Ordine degli Avvocati?

2)Si può essere esclusi dal partecipare ai concorsi pubblici?

3)Nelle domande di partecipazione ai concorsi pubblici bisogna dichiarare se a proprio carico vi sono procedimenti penali in corso ( si risponde NO ), di non aver riportato condanne penali ( in questo caso si risponde SI ), se Si  dire QUALI , dire gli eventuali procedimenti  nonché eventuali sentenze di patteggiamento ( cosa bisogna scrivere ? Come far capire che si è trattato  per lo più di ragazzate goliardiche? ) .

Ringraziando , porgo distinti saluti.



RISPOSTA



Per partecipare all'esame di abilitazione di avvocato occorre essere di condotta specchiatissima ed illibata.

http://www.sarannoavvocati.it/normativa/1578_33.htm

Cosa significa essere di condotta specchiatissima ed illibata ?

La risposta è nell'articolo17, secondo comma, del Regio decreto-legge 27 novembre 1933, n. 1578, Ordinamento delle professioni di avvocato e procuratore.

Articolo 17 secondo comma.

“Non possono conseguire l'iscrizione nell'albo o nel registro dei praticanti coloro che abbiano riportato una delle condanne o delle pene accessorie o si trovino sottoposti ad una delle misure di sicurezza che, a norma dell'art. 42, darebbero luogo alla radiazione dall'albo e coloro che abbiano svolto una pubblica attività contraria agli interessi della Nazione”

Art. 42. Ordinamento delle professioni di avvocato e procuratore.

Importano di diritto la radiazione dagli albi degli avvocati [e dei procuratori]:
a) l'interdizione perpetua dai pubblici uffici o dall'esercizio della professione di avvocato o di procuratore:
b) la condanna per uno dei reati preveduti negli articoli 372, 373, 374, 377, 380 e 381 del codice penale (trattasi di reati contro la PA).
Importano di diritto la cancellazione dagli albi:
a) l'interdizione temporanea dai pubblici uffici o dall'esercizio della professione di avvocato [o di procuratore];
b) il ricovero in manicomio giudiziario nei casi indicati nell'articolo 222, comma secondo, del codice penale;
c) l'assegnazione ad una colonia agricola od a una casa di lavoro.
I provvedimenti preveduti nel presente articolo sono adottati dal Consiglio dell'ordine, sentito il professionista


Come vedi, hai requisiti per la partecipazione all'esame di avvocato.

Per approfondire …

http://www.gedit.it/sofiaonline/articolo.php?id=1616

… e per gli altri concorsi pubblici ???
Dobbiamo fare riferimento al D.P.R. 09.05.1994 n. 487, “Regolamento recante norme sull'accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni e le modalità di svolgimento dei concorsi, dei concorsi unici e delle altre forme di assunzione nei pubblici impieghi”.

http://www.stranieriinitalia.it/briguglio/immigrazione-e-asilo/2008/aprile/dpr-487-1994.html

L'articolo 2 del regolamento non ti impedisce di partecipare ai concorsi pubblici, tuttavia la singola amministrazioni, sempre ai sensi della medesima norma, potrebbe prevedere l'esclusione dal concorso per coloro che hanno riportato condanne penali anche se con il beneficio della sospensione condizionale della pena (tanto per intenderci non puoi fare concorsi in polizia o in magistratura).

Sempre a disposizione.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale