Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Ricorso al Tar per bocciatura per disparità tra alunni





Vorrei sapere se è possibile fare ricorso avverso una bocciatura di mia figlia in III liceo classico.
La motivazione è principalmente una:
primo: la situazione di mia figlia (i ragazzi fra di se conoscono i voti) era uguale  ad altri a cui è stato data la sospensione del giudizio
Non sò poi come abbiano fatto in effetti però gli scrutini ci sono stati sabato 9 giugno e la chiamata da parte della scuola che mi avvertiva che mia figlia non era ammessa è arrivata Mercoledì sera alle 18.30. (giovedì sarebbero stati affissi i risultati) mentre i bocciati delle altre classi venivano avvertiti in maniera sistematica alla chiusura dello scrutinio.
Ci sono i presupposti per fare ricorso al TAR contro la bocciatura?



RISPOSTA



La bocciatura di un alunno è un provvedimento amministrativo a tutti gli effetti che deve essere congruamente motivato. I provvedimenti amministrativi possono essere annullabili per eccesso di potere in caso di disparità di trattamento tra cittadini: questo vale anche nel caso di tua figlia.

La bocciatura può essere impugnata solo per vizi di forma del provvedimento, per assenza o incongruità della motivazione o per eccesso di potere nella figura sintomatica della disparità di trattamento tra alunni della stessa classe; la valutazione degli insegnanti, negli altri casi è insindacabile nel merito … non sarà facile vincere un ricorso di questo tipo, dinanzi al TAR.

Per accedere agli atti (verbali del Consiglio di classe) devi fare richiesta scritta sottolineando la volontà di tutelare la posizione giuridica di tua figlia minorenne che è risultata non ammessa alla classe successiva.
Sottolineando l'urgenza della situazione di tua figlia, potrai probabilmente avere le copie prima dei 30 giorni concessi alle Amministrazioni per provvedere in tal senso, ai sensi della legge sul procedimento amministrativo, ossia della legge 241 del 1990.

Poiché intendi fare ricorso al TAR per disparità di trattamento, dovrai chiedere anche i verbali delle compagne di classe di tua figlia.

Mi dirai: … e la privacy ???
Ai sensi dell'articolo 24 comma 7 della legge 241 del 1990, a prescindere dalle esigenze di privacy, “Deve comunque essere garantito ai richiedenti l’accesso ai documenti amministrativi la cui conoscenza sia necessaria per curare o per difendere i propri interessi giuridici. Nel caso di documenti contenenti dati sensibili e giudiziari, l’accesso è consentito nei limiti in cui sia strettamente indispensabile e nei termini previsti dall'articolo 60 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, in caso di dati idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale".

Hai diritto di visionare tutti i verbali al fine di accertare la presenza di una disparità di trattamento tra gli alunni.

Dopo che avrai ottenuto la documentazione completa, ci aggiorneremo per valutare se fare o meno ricorso al TAR. Senza un esame del provvedimento amministrativo è difficile prendere questa decisione. In linea di massima posso dirti che sussistono tutti i presupposti per ricorrere al TAR.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale