Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Denunciare il commercialista negligente




 

Francesco da Reggio Emilia:

 

Per conto di mio padre Giuseppe M., vorrei valutare se ci sono gli estremi per fare causa allo studio Commerciale qui sotto specificato:
N. Giuseppe
STUDIO ….. SRL
Consulenza Aziendale Fiscale e Tributaria
Premessa:


Mio padre è un EX Artigiano inquadrato nel settore Edilizia.
Durante gli ultimi 8 anni mio padre, Giuseppe M., si è avvalso dei servizi offerti dallo studio del Dott. N. Giuseppe, la sintetizzo brevemente la situazione:


•Premesso che l’attività di mio padre e in crisi dal 2005, ed nel 2008 e fallita con consistenti debiti
•Lo Studio ha fatto una pessima gestione dei doveri a cui doveva assolvere, si limitava a compilare la dichiarazione
dei redditi senza notificare a mio padre una copia la dichiarazione, senza notificare “quanto doveva pagare”
•In 7 Anni mio padre non ha mai avuto una “Copia Cartacea” della dichiarazione.
•Mio padre dal 21/10/2008 è disoccupato, il 01/11/2008 ha chiesto allo studio di chiudere la Partita IVA, e tutta l’attività come artigiano.
•Ma questo non è stato fatto, in data 01/06/2009 mio padre di persona si presentava alla Agenzia delle Entrate per Chiudere l’attività
•Sono arrivate delle multe in quanto abbiamo tardato a chiudere l’ attività
•Ci siamo presentati allo STUDIO …. SRL per chiedere una copia di tutta la documentazione Fiscale archiviata in loro possesso. 29/06/2009
•Ovviamente l’avvocato non ha voluto consegnare nulla, dicendo che dovevamo passare il giorno dopo.
•Oggi 01/07/2009 con la scusa che il Dott. N. non era in sede la segretarie si sono rifiutate di consegnare i documenti.
•Domani proveremo nuovamente, in modo da poter fare chiudere la Dichiarazione dal mio commercialista.
•Dopo un mio attento esame mi sono accorto che in dotale per conto di mio padre vi sono cartelle arretrate per più di EURO 8500



Ma la domanda è quindi, è possibile trovare un appiglio per denunciare questo studio? Soprattutto per la cattiva gestione della contabilità, e per il fatto che per colpa sua richiamo di non riuscire a fare la dichiarazione dei redditi?
Saluti,
Francesco

 

avvocato risponde online

La possibilità di citare in giudizio il Dott. N. e di farlo condannare ad un risarcimento dei danni da te subiti, sono abbastanza alte. E’necessario però avere dei testimoni che, in sede di processo, siano in grado di esporre al giudice, lo svolgimento dei fatti. Puoi testimoniare tu, a favore di tuo padre, tuttavia sarebbe opportuna anche la deposizione giudiziaria di almeno un’altra persona magari non legata da un vincolo di parentela con tuo padre. Senza la possibilità di utilizzare la prova testimoniale, le possibilità di vincere in contenzioso si riducono notevolmente. La circostanza che il commercialista non abbia mai consegnato la copia delle dichiarazioni dei redditi a tuo padre tuttavia, è un punto a tuo favore in sede processuale, in quanto è una circostanza facile da dimostrare (non sono necessari i testimoni!) e soprattutto significativa del livello di approssimazione con cui il dott. N. svolgeva il suo lavoro.

Riguardo l’importo di 8.500 euro di imposte sanzioni ed interessi dovuti all’ Agenzia delle Entrate, ti consiglio di provvedere al pagamento entro i termini.

Per lo Stato infatti, il responsabile della chiusura oltre i termini di legge della partita Iva o della mancata presentazione della dichiarazione dei redditi, è sempre il titolare della partita Iva, mai il suo consulente fiscale. Soltanto dopo avere saldato il tuo debito con il fisco, potrai agire nei confronti del professionista per ottenere il rimborso delle somme versate a causa della sua negligenza. Ti confermo che la probabilità di ottenere una sentenza favorevole è alta.
Cordiali saluti

 

 

 

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale