Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Mancata erogazione di un mutuo immobiliare confermato in precedenza, responsabilità del direttore di banca




 

Giuseppe da Ancona:

 

Salve DOTT. sono C. G. grande ,, ho un grande problema ,, rischiano i miei figli dopo una separazione di 13 anni fa CHE MANTNGO REGOLARMENTE rischia la mia attivita' eccc,,,::::::

 

Il problema è nato 3 mesi fa , mi reco dalla mia banca per chiedere un Mutuo per acquisto prima casa , comunico che devo fare un compromesso di 50.000 euro , il direttore mi conferma che non ci sono problemi per la cifra di mutuo richiesta ma vuole una conferma dalla sede legale e mi chiede di attendere qualche giorno ,, nel frattempo il direttore mi calcola un piano per estinguere residui , ecc... passata una settimana mi conferma che posso procedere con il compromesso che la sede centrale ha dato l' OK ,,, addirittura manda il perito della valutazione e nel giro di qualche giorno chiede al suo assistente di mandare la documentazione dal mio notaio , fra tre settimane sara' erogato il mutuo ....

 


io procedo come scritto da compromesso 50.000 euro e viene anche registrato e pagate le imposte ,,, nel frattempo sempre da compromesso posso procedere a fare delle migliorie sulla casa ,, muratori , imbianchini , giardinaggio ,, tende da sole ecc,, per una cifra di circa 30.000 che avevamo calcolato sul mutuo infatti rientravo bene con il valore chiesto dell' 80% sul valore dell' immobile ,,,
passano circa 40 giorni mi chiama l' assistente del direttore comunicandomi che la mia pratica è stata respinta , e di cercare un altro istituto per vedere se accettano la mia richiesta,,,,,,, INIZIA IL MIO CALVARIO ,, il direttore si fa negare , nel frattempo si candida come sindaco su un altro paese ,, non vengo piu contattato da nessuno ,, il direttore da 2 mesi ha preso una aspettativa e in banca non cè piu ,
io mi trovo abbandonato da chi mi aveva detto di si , a fare il compromesso ecc .. ecc... devo pagare i muratori e,,, e perdo i 50.000 euro di compromesso ,,, SONO IN SERIE DIFFICOLTA' economiche e non so come fare ,,, sono 30 anni di correntista con la mia banca ,, risulto PAGATORE GIOIELLO ,, sono molto stimato MA LA BEFFA che dalle stelle vado alle stalle ,,, aggiungo che non so dove prendere i soldi anche per il mantenimento dei miei figli ,,


,,, sono riuscito a prolungare il compromesso fino al 30 luglio MI RESTANO 2 settimane ,,, AIUTAMI !!!!!!!!!!! AIUTAMI !!!!!!!!!!! Giuseppe

 

avvocato risponde online

Purtroppo per te, non esiste uno strumento di tutela giuridica attivabile in due settimane.
Potresti citare in giudizio il direttore in solido con la banca, per i danni provocati dal loro comportamento negligente, tuttavia riusciresti ad ottenere giustizia (ossia il rimborso dell’importo previsto per il compromesso) soltanto fra un paio di anni.
Non possiamo permetterci dei tempi così lunghi perché la necessità prioritaria è quella di non perdere l’importo determinato con la sottoscrizione del compromesso (oltre di evitare che la compravendita immobiliare vada in fumo!).
Devi riuscire a parlare con l’ex direttore e fargli presente la tua intenzione di denunciarlo e di citarlo in giudizio per chiedere il risarcimento danni subiti (se fa il sindaco, non dovrebbe essere difficile reperirlo!); nel frattempo devi attivarti per chiedere il finanziamento ad un'altra banca o alle Poste Italiane (generalmente, se l’importo è inferiore ai 60.000,00 euro non fanno problemi!).
I tempi della giustizia sono inconciliabili con le tue esigenze: soltanto dopo avere reperito le risorse finanziarie per far fronte alle tue obbligazioni contrattuali, potrai rivolgerti ad un avvocato per ottenere giustizia nei confronti di chi ti ha terribilmente complicato la vita.
In bocca al lupo.
Cordiali saluti

 

 

 

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale