Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Notifica della cartella esattoriale di Equitalia, presso il precedente indirizzo di residenza. Ricorso per annullamento





Gentile avvocato, per puro caso, recandomi presso l'agenzia delle entrate, ho scoperto di avere a carico una cartella esattoriale per IRPEF non versata, relativamente all'anno 2009, reddito da lavoro dipendente, per euro 5.780.

Mi hanno detto che la cartella esattoriale è stata notificata al mio vecchio indirizzo in via Garibaldi 54, in data 31 ottobre 2011, mentre io avevo spostato la mia residenza in via Manin, già dal febbraio 2011.

La notifica dell'atto è irregolare; ho deciso, su consiglio del mio commercialista, di fare ricorso in commissione tributaria contro la cartella esattoriale per vizio di notifica.

Il giudice ha rigettato il mio ricorso a non riesco a spiegarmi il motivo.

Come mai è successo un episodio simile ???



RISPOSTA



La cartella esattoriale è un atto recettizio; essa quindi avrebbe effetti giuridici soltanto se regolarmente notificata al contribuente. La giurisprudenza della cassazione non condivide tale approccio tant'è che recentemente, in presenza di un vizio di notifica di una cartella esattoriale inviata da Equitalia, ha affermato che non si realizza la nullità dell'atto, ma il termine del ricorso decorre dal momento in cui il contribuente ha preso effettivamente conoscenza della pretesa erariale di Equitalia.

In presenza di un vizio di notifica della cartella esattoriale, non si ha la nullità dell'accertamento, ma il termine per il ricorso decorre dalla data in cui il contribuente ha avuto in altro modo conoscenza del suo debito tributario.

Secondo le sezioni unite della corte di cassazione, il vizio di notifica deve considerarsi sanato quando dalla proposizione del ricorso in commissione tributaria, è provata la piena conoscenza del provvedimento, salvo il caso di totale inesistenza della notifica medesima (sentenza del 5 ottobre 2004 n. 19854).

La commissione tributaria ha rigettato il tuo ricorso, aderendo alla giurisprudenza consolidata della corte di cassazione.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale