Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Decreto sviluppo, detrazione d’imposta 50% lavori di ristrutturazione agevolati.





Gentile avvocato, in data 7 luglio ho effettuato dei lavori di bonifica dall’amianto, relativamente alla mia abitazione privata. Vorrei conoscere la percentuale di detrazione relativa alle suddette spese per lavori edilizi, introdotta dal decreto sviluppo 2012. Si tratta di uno dei lavori o interventi per cui ho diritto alla detrazione d’imposta pari al 50% ? Il pagamento dei lavori è avvenuto in data 20 luglio 2012.

Resto in attesa di un suo riscontro.

Cordiali saluti.



RISPOSTA



I lavori realizzabili in casa che danno diritto alla detrazione d’imposta del 50%, sono indicati dall’articolo 16 bis del DPR n. 917/86, norma introdotta dalla manovra “salva Italia” del Governo Monti.

I lavori per i quali spetta l’agevolazione fiscale sono:

- lavori per interventi di manutenzione straordinaria, per le opere di restauro e risanamento conservativo e per i lavori di ristrutturazione edilizia effettuati sulle singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e sulle loro pertinenze,

- lavori di manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, effettuati su tutte le parti comuni degli edifici residenziali,

- gli interventi necessari alla ricostruzione o al ripristino dell’immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi, a condizione che sia stato dichiarato lo stato di emergenza,

- gli interventi relativi alla realizzazione di autorimesse o posti auto pertinenziali,

- i lavori finalizzati all’eliminazione delle barriere architettoniche, aventi ad oggetto ascensori e montacarichi,

- gli interventi di bonifica dall’amianto e di esecuzione di opere volte ad evitare gli infortuni domestici,

- interventi relativi all’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi come le opere di  rafforzamento di cancellate o recinzioni murarie degli edifici.

Dal 26 giugno scorso al prossimo 30 giugno 2013 la percentuale di detrazione per i suddetti interventi di recupero del patrimonio edilizio sarà pari al 50%. Innalzato anche il tetto massimo detraibile da 48.000 a 96.000 euro. Il numero di rate rimarrà invece immutato: il legislatore fa sempre riferimento a 10 rate.
La detrazione quindi fino a ieri era il 36% di 48.000, cioè 17.280 euro, dal 26 giugno sarà il 50% di 96.000, cioè 48.000 euro.
Per poter usufruire della nuova normativa e quindi della detrazione pari al 50% (oltre all’innalzamento del tetto massimo a 96.000 euro), occorre fare riferimento alla data del pagamento. Nel tuo caso, il pagamento dei lavori è avvenuto successivamente all’entrate in vigore della maggiore agevolazione fiscale.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale