Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Flebo sbagliata, responsabilità penale dell' infermiere





Gentile avvocato, sono un infermiere che ha sempre fatto il suo lavoro con la massima passione e dedizione. Quasi quotidianamente si sentono in TV degli episodi di mala sanità, in particolare relativi a pazienti morti a causa di flebo sbagliate.

A cosa vada incontro se durante il turno notturno, il paziente a me affidato, incapace di intendere e di volere, dovesse staccare la flebo dal suo braccio, cagionando delle conseguenze piuttosto gravi per la sua persona ???

Cosa prevede la giurisprudenza della Cassazione ???



RISPOSTA



La Cassazione penale Sez. IV, Sentenza del 04-08-2011, n. 31133, ha affermato quanto segue: “sussiste la responsabilità penale per lesioni colpose delle infermiere – oltre alla conseguente responsabilità civile per danni in concorso con la competente Asl - che negligentemente omettano i dovuti controlli durante tutta la notte in cui erano di turno per accertare la presenza o meno in vena dell’ago della flebo, non accorgendosi così della sua accidentale fuoriuscita dal lume venoso e cagionando in tal modo lesioni cutanee da ustioni dalle quali derivava una malattia di durata superiore a 40 giorni”.

La Cassazione prevede un obbligo continuo di sorveglianza durante il turno notturno da parte del personale paramedico, in quanto “gli operatori di una struttura sanitaria sono tutti portatori per legge di una posizione di garanzia, espressione dell’obbligo di solidarietà costituzionalmente imposto ex articoli 2 e 32 della Carta fondamentale, nei confronti dei pazienti, la cui salute essi devono tutelare contro qualsivoglia pericolo che ne minacci l’integrità; e l’obbligo di protezione dura per l’intero tempo del turno di lavoro”.

La suddetta massima è stata affermata dalla Cassazione penale , sez. IV, sentenza del 11.03.2005 n° 9739

In questi casi inoltre, non può essere ritenuta valida la scusante che il paziente non abbia mai richiesto, durante la notte, l'intervento del personale medico o paramedico, “essendo dovere e scrupolo di un infermiere - medico, cui è affidato un reparto, quello di prendere immediata visione delle specifiche situazioni dei malati, raccogliendo la posizione di garanzia che gli viene trasferita al momento della sua presa in carico del reparto”.

Gli infermieri quindi, non soltanto devono fare attenzione al contenuto della flebo, ma devono vigilare sui pazienti, durante il loro turno, onde evitare ogni possibile inconveniente, come ad esempio verificare continuamente la presenza in vena dell'ago della flebo.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale