Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Immobile acquistato all'estero non entra nella comunione legale dei beni dei coniugi





Sono in comunione di beni; durante il matrimonio ho acquistato un immobile in Russia a Mosca. Ricade nella comunione dei beni? Ed in caso di risposta affermativa, come avviene praticamente, visto che lo stato russo conosce solo me come unica proprietaria ed a me sola chiede di pagare le tasse? Grazie



RISPOSTA



Il bene immobile ubicato sul territorio russo non entra a far parte della comunione legale dei beni dei coniugi. La risposta è piuttosto scontata, visto che l'immobile risulta intestato esclusivamente a te (… e quindi anche l'onere tributario è interamente addossato su di te).

Poiché al momento dell'acquisto dell'immobile, non era presente tuo marito (tuo marito non ha partecipato all'atto di acquisto), il coniuge potrebbe, ai sensi dell'articolo 184 II comma del codice civile, chiedere l'annullamento dell'atto di compravendita, nei termini indicati dalla norma suddetta:

1)entro un anno dalla data della conoscenza dell'atto
2)se il coniuge non ha avuto conoscenza dell'atto, entro un anno dallo scioglimento della comunione legale dei coniugi, per una delle circostanze di cui all'articolo 191 del codice civile.

Art. 184 del codice civile. Atti compiuti senza il necessario consenso.

Gli atti compiuti da un coniuge senza il necessario consenso dell'altro coniuge e da questo non convalidati sono annullabili se riguardano beni immobili o beni mobili elencati nell'articolo 2683.
L'azione può essere proposta dal coniuge il cui consenso era necessario entro un anno dalla data in cui ha avuto conoscenza dell'atto e in ogni caso entro un anno dalla data di trascrizione. Se l'atto non sia stato trascritto e quando il coniuge non ne abbia avuto conoscenza prima dello scioglimento della comunione l'azione non può essere proposta oltre l'anno dallo scioglimento stesso.

Art. 191 del codice civile. Scioglimento della comunione.

La comunione si scioglie per la dichiarazione di assenza o di morte presunta di uno dei coniugi, per l'annullamento, per lo scioglimento o per la cessazione degli effetti civili del matrimonio, per la separazione personale, per la separazione giudiziale dei beni, per mutamento convenzionale del regime patrimoniale, per il fallimento di uno dei coniugi.

Tuo marito, attualmente, è a conoscenza dell'acquisto dell'immobile ??? da oltre un anno ???
In tal caso, egli non ha più diritto di chiedere l'annullamento della compravendita, quindi il bene è da considerare definitivamente al di fuori dal perimetro della comunione legale dei coniugi.

A disposizione per tutti i chiarimenti del caso.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale