Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Pale eoliche distanza dai confini





Sono proprietario-confinante di un terreno con un parco eolico nella Regione S.
Questo parco eolico è stato realizzato nel 2003 e al tempo in non esisteva una normativa regionale che ne disciplinasse la realizzazione; questa infatti risale al 2007. Vorrei sapere quella che era la normativa in vigore nel 2003 in Italia, che disciplina le distanze delle macchine da una tanca altrui confinante; ritengo infatti che la pala eolica in questione sia stata realizzata ad una distanza nettamente inferiore a quella prevista dalla legge; ho fatto fare una rilevazione tecnica da un ingegnere e risulta che il palo sia ad una distanza di 54 mt dal confine medesimo di mia proprietà, mentre il diametro delle pale è di 80 mt. Con la normativa attuale vigente in S. sarei nella piena ragione, ma questa non può applicarsi retroattivamente, ho bisogno della normativa 2003 che mi da queste distanze. Un cordiale saluto



RISPOSTA



Nell'anno 2001, il titolo quinto della Costituzione è stato modificato (c'è stato anche un referendum); da allora, l'articolo 117 della Costituzione elenca le materie di competenza del legislatore nazionale. Tutto il resto, è di competenza del legislatore regionale.
Nell'anno 2003, non poteva esistere una normativa nazionale in materia di distanze delle pale eoliche dal confine … la competenza appartiene alle regioni dall'anno 2001; una normativa nazionale sarebbe stata contraria all'articolo 117 della Costituzione !
Tanto premesso, nel tuo caso, si applica l'articolo 840 del codice civile.

Art. 840 del codice civile. Sottosuolo e spazio sovrastante al suolo.

La proprietà del suolo si estende al sottosuolo, con tutto ciò che vi si contiene, e il proprietario può fare qualsiasi escavazione od opera che non rechi danno al vicino. Questa disposizione non si applica a quanto forma oggetto delle leggi sulle miniere, cave e torbiere. Sono del pari salve le limitazioni derivanti dalle leggi sulle antichità e belle arti, sulle acque, sulle opere idrauliche e da altre leggi speciali.
Il proprietario del suolo non può opporsi ad attività di terzi che si svolgano a tale profondità nel sottosuolo o a tale altezza nello spazio sovrastante, che egli non abbia interesse ad escluderle.

Le pale, ai sensi dell'articolo 840 del codice civile, non possono invadere lo spazio aereo sovrastante il tuo terreno. Se la distanza dal confine è pari a 54 mt, se il raggio è di 40 mt … allora la pala non potrebbe invadere lo spazio aereo sovrastante il tuo terreno.

Ti consiglio semmai, ti far verificare ad un ingegnere, l'eventuale violazione delle norme in materia di inquinamento acustico, da parte del parco eolico. Si tratta della legge nazionale 447 del 1995 e del decreto del presidente del consiglio dei ministri del 1 marzo 1991.

Siamo a disposizione per tutti i chiarimenti del caso.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale