Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

IMU in caso di separazione e divorzio





Casa del suocero affidata dal giudice alla nuora con sentenza provvisoria.

Negli anni passati il suocero ha pagato ici con aliquota  seconda casa. Con l'introduzione dell'IMU il pagamento della tassa  spetta all'occupante? 
Se è cosi il suocero deve presentare una  dichiarazione all'ufficio delle entrate?
Quali documenti vanno  prodotti e a chi per non incorrere in sanzioni?



RISPOSTA



Con l'entrate in vigore dell'IMU, l'imposta spetta al coniuge assegnatario dell'immobile, a prescindere dal titolo della proprietà immobiliare, quindi al coniuge occupante. Confermo quello che hai scritto.

Si tratta di una novità dell'ultima manovra del governo Monti.
Tale novità è riportata su tutti i siti web dei comuni italiani.

Ad esempio …

IMU comune di Como

“In caso di separazione legale o di divorzio, l’IMU per la ex casa coniugale deve essere pagata, con le agevolazioni previste per l’abitazione principale, esclusivamente dal coniuge che risulti assegnatario della stessa per diposizione del Giudice ed a prescindere dalla eventuale quota di proprietà. In questo caso deve essere necessariamente presentata la dichiarazione IMU”. L'Imu non ha nulla a che vedere con l'agenzia delle entrate, è un tributo comunale. Occorre rivolgersi all'ufficio tributi del vostro comune, ossia presso gli uffici comunali.

Ciascun comune ha disciplinato gli aspetti relativi alla dichiarazione IMU, con proprio regolamento.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.



Imu per la casa coniugale in caso di separazione





Io e mio marito siamo separati legalmente, in procinto al divorzio a fine anno.  Abito nella casa coniugale a Milano con mio figlio.

La casa è intestata per metà a mia suocera, e la rimanente metà a mio marito.  Mia suocera abita come usufruttaria in un altro appartamento.  I due fratelli di mio marito hanno varie proprietà in Lombardia.  Mio marito è co- proprietario, oltre alla casa dove io risiedo, la metà della casa dove risiede mia suocera, e una proprietà in Veneto.

Domanda:  l'IMU spetta totalmente a me, o solo la quota di mio marito?  In altre parole, devo prendermi carico dell'IMU di mia suocera e i miei due cognati?

L'IMU per me sono quasi due mesi di stipendio.

Grazie.



RISPOSTA



Per quanto riguarda i coniugi separati, il pagamento dell’IMU spetta al 100% al coniuge che risulta assegnatario della casa coniugale anche nel caso in cui non sia proprietario. Il regime è quello previsto per le abitazioni principali per quanto attiene aliquote e detrazioni.

Il Decreto legge n.16/12, convertito nella legge 44 del 2012, interviene affermando che “ai soli fini dell’applicazione dell’imposta municipale propria di cui all’art.8 del D.Lgs. n.23/11, nonché all’art.13 del D.L. n.201/11, convertito, con modificazioni, dalla L. n.214/11, l’assegnazione della casa coniugale al coniuge disposta a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio,si intende in ogni caso effettuata a titolo di diritto di abitazione.”

Avrai diritto tuttavia, alla detrazione fiscale per la prima casa pari a 200 euro e per il figlio a carico, pari a 50 euro.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale