Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Quota legittima e vendita dell'eredità





Vorrei sottoporvi il seguente quesito:

Nel 2005 è deceduta mia nonna (mamma di mio padre) vedova la quale aveva  2 figli (deceduti entrambi) i quali lasciano 2 figli ciascuno.

La nonna lascia testamento nel quale nomina erede universale la nuora (mia madre) .

Ho fatto scrivere da un avvocato facendo presente che a nostro parere è stata lesa la quota di legittima ed ora, abbiamo saputo, tramite il suo legale che il terreno oggetto dell'eredità è stato venduto da mia madre.

Lo stesso avvocato ha tenuto a precisare che comunque una parte (quella a me spettante) mi sarà comunque riconosciuta.dato che però a me non è mai stato chiesto nulla, la domanda che voglio farvi è se mia madre, in questa condizione poteva procedere alla vendita così come avvenuto?

attendo una vs cortese risposta

cordiali saluti



RISPOSTA



Sì, la mamma poteva effettuare la vendita tuttavia, adesso deve darti in denaro la quota di eredità che ti spetta, per rappresentazione dell'erede legittimo, ossia tuo padre.

Ecco come si divide l'asse ereditario della nonna, ai sensi dell'articolo 537 II comma del codice civile.

Art. 537 del codice civile. Riserva a favore dei figli legittimi e naturali.

Salvo quanto disposto dall'articolo 542, se il genitore lascia un figlio solo, legittimo o naturale, a questi è riservata la metà del patrimonio. Se i figli sono più, è loro riservata la quota dei due terzi, da dividersi in parti uguali tra tutti i figli, legittimi e naturali. I figli legittimi possono soddisfare in denaro o in beni immobili ereditari la porzione spettante ai figli naturali che non vi si oppongano. Nel caso di opposizione decide il giudice, valutate le circostanze personali e patrimoniali.

1/3 quota disponibile che può essere attribuita alla madre
1/3 quota di legittima figlio A
1/3 quota di legittima figlio B

In quanto discendente del figlio A, hai diritto per rappresentazione, ai sensi dell'articolo 467 del codice civile, alla quota di legittima che sarebbe spettata a tuo padre.

Art. 467 del codice civile. Nozione.

La rappresentazione fa subentrare i discendenti legittimi o naturali nel luogo e nel grado del loro ascendente, in tutti i casi in cui questi non può o non vuole accettare l'eredità o il legato.
Si ha rappresentazione nella successione testamentaria quando il testatore non ha provveduto per il caso in cui l'istituto non possa o non voglia accettare l'eredità o il legato, e sempre che non si tratti di legato di usufrutto o di altro diritto di natura personale.


Qual è il valore venale dell'asse ereditario della nonna ??? 99.999 euro.
Tua mamma deve versarti 33.333 euro, oltre ad interessi legali.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale