Quota di legittima lasciata all'amante con testamento





Mi sono sposata dope 5 anni di 'fidanzamento' e tre figli. I nostri tre figli sono maggiorenni e lui ha altre tre figlie adulte.  Lui ha 61 anni e ho scoperto nel 201o che ha una amante straniera di 45 anni e non so quanto questa donna sia importante per lui.  La mia domanda e quali sono i miei eventuali diritti di successione e se lui può eventualmente lasciare qualcosa anche all'amante.



RISPOSTA



Tuo marito, con testamento, potrebbe lasciare all'amante, la quota disponibile, fatti salvi i diritti dei legittimari (coniuge e figli) alla quota di legittima.

Art. 542 del codice civile. Concorso di coniuge e figli.

Se chi muore lascia, oltre al coniuge, un solo figlio, legittimo o naturale, a quest'ultimo è riservato un terzo del patrimonio ed un altro terzo spetta al coniuge. Quando i figli, legittimi o naturali, sono più di uno, ad essi è complessivamente riservata la metà del patrimonio e al coniuge spetta un quarto del patrimonio del defunto. La divisione tra tutti i figli, legittimi e naturali, è effettuata in parti uguali.

Ecco come potrebbe essere suddiviso l'asse ereditario di tuo marito, alla sua morte.

Quota di legittima spettante alla moglie ¼ dell'asse ereditario.
Quota di legittima spettante complessivamente a tutti e sei i suoi figli ½ dell'asse ereditario.
Quota disponibile attribuibile liberamente con testamento all'amante ¼ dell'asse ereditario.

A ciascun figlio pertanto, spetterebbe la quota di legittima pari all' 8,3% dell'asse ereditario complessivo, mentre l'amante potrebbe ereditare, a mezzo testamento, anche il 25% dell'asse ereditario (quota disponibile).

Siamo a disposizione per tutti i chiarimenti del caso.

Cordiali saluti.