Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Compilazione domanda di concorso pubblico mancata indicazione di un reato estinto





Nella compilazione della domanda per la partecipazione ad un concorso pubblico ho indicato di non aver avuto procedimenti penali poiche', in buona fede, credevo che il procedimento penale addebitatomi, estinto con pagamento di multa pecuniaria, e che prevedeva la "non menzione" non andasse indicato. Nel rileggere il bando per la preparazione della documentazione per la prova preliminare a cui sono stata ammessa mi sono resa conto del grave errore commesso; la mia domanda e':

- C'e' la possibilita' di rimediare all'errore per non essere accusata di dichiarazioni mendaci ed evitare procedimenti penali? - questo errore comporta necessariamente l'esclusione dal concorso? Resto in attesa di Vs riscontro. Saluti



RISPOSTA



Trattasi di una mera disattenzione, priva di conseguenze giuridiche sfavorevoli per te. La pubblica amministrazione, in sede di concorso pubblico, non ha gli strumenti giuridici per venire a conoscenza di un procedimento penale per un reato estinto con oblazione.

Laddove dovessi vincere il concorso, preciserai alla commissione quanto segue: non vi è mai stata condanna, in quanto è intervenuta l'oblazione, quindi il reato è ESTINTO, così come gli effetti giuridici del procedimento penale in questione.

Il procedimento penale in questione poteva non essere indicato nella domanda di concorso, in quanto non vi è stata condanna: ti sei avvalsa dell'istituto dell'oblazione, ai sensi dell'articolo 162 del codice penale.

L'oblazione estingue il reato e non comporta condanna, quindi nel tuo caso si può dichiarare di non aver subìto condanne penali, né di avere avuto procedimenti penali. Il beneficio della non menzione nel certificato richiesto da privati, di per sé, non estingue invece il reato.

Art.162 del codice penale. Oblazione nelle contravvenzioni.
Nelle contravvenzioni, per le quali la legge stabilisce la sola pena dell'ammenda, il contravventore è ammesso a pagare, prima dell'apertura del dibattimento , ovvero prima del decreto di condanna , una somma corrispondente alla terza parte del massimo della pena stabilita dalla legge per la contravvenzione commessa, oltre le spese del procedimento . Il pagamento estingue il reato.

Non solo: considera che l'ordinamento giuridico consente alla pubblica amministrazione, in sede di concorso pubblico e di assunzione del vincitore, di richiedere solo il casellario generale, dove, essendoci stata oblazione, risulta appunto NULLA.

In questi casi, alla pubblica amministrazione non è permesso ottenere una visura completa del casellario penale. Soltanto il diretto interessato o la polizia/carabinieri/polizia giudiziaria potrebbero richiederlo. Ecco un altro fondamentale motivo per cui, nel tuo caso, è possibile dichiarare quanto sopra precisato.

Premesso che trattasi di una disattenzione in buona fede che non comporterà né l'esclusione dal concorso, né l'imputazione di un reato in materia di dichiarazioni sostitutive di certificazione medaci (DPR 445/2000), ti consiglio, quando compilerai la prossima domanda di concorso, a scanso di equivoci di usare la seguente formula: «Dichiaro sotto la mia responsabilità di non aver commesso reati che figurano nel certificato del casellario giudiziale a richiesta di privati e di avere avuto procedimenti penali per reati estinti a seguito di oblazione».

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.



Partecipazione concorso condanna penale sospensione condizionale beneficio non menzione casellario giudiziale





In presenza di una condanna penale:- pronunciata 3 anni fa; - alla reclusione per mesi due; - con sospensione condizionale; - con non menzione nel casellario giudiziale (art. 175 cp); vi chiedo: nel caso in cui il condannato si trovi a dover compilare quei moduli (per concorsi pubblici, ecc.) in cui si chiede di autocertificare che si è incensurati, come ci si deve comportare? Per essere più chiari, in considerazione del fatto che è stata concessa la non menzione nel casellario giudiziale (art. 175 c.p.), la condanna deve essere dichiarata oppure si può mettere la crocetta sulla casella che indica che si è incensurati?



RISPOSTA



Premesso che avendo ottenuto il beneficio della NON MENZIONE, l'ordinamento giuridico non consentirebbe alla pubblica amministrazione, in sede di concorso pubblico e di assunzione del vincitore, di appurare la presenza di una sentenza di condanna. In caso di concorso pubblico, alla pubblica amministrazione non è permesso ottenere una visura completa del casellario penale. Soltanto il diretto interessato o la polizia/carabinieri/polizia giudiziaria potrebbero richiederlo.

Ad ogni modo, nella domanda di partecipazione al concorso, occorre indicare di avere riportato condanna per mesi due, con sospensione condizionale e beneficio della non menzione.
In genere i modelli di partecipazione al concorso, accanto alla voce AVERE RIPORTATO CONDANNE PENALI SI' NO INSERISCONO UN ASTERISCO CHE CONSENTE AL CANDIDATO, IN CALCE ALLA DOMANDA, DI PRECISARE CHE LA CONDANNA E' STATA SOSPESA, CHE VI E' STATA NON MENZIONE, CHE IL REATO E' ESTINTO.

TU DEVI BARRARE IL SI' E POI SPECIFICARE IN CALCE ALLA DOMANDA, NELLO SPAZIO DEDICATO ALLE NOTE.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale