Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Risarcimento danno - Risarcimento del danno prodotto da una buca alla circolazione dei veicoli, tempo massimo per richiedere il risarcimento.



Marco da Roma:



salve io il 10 febbraio su una via di Roma presso il grande raccordo anulare, quindi una strada non poco trafficata, mi sono imbattuto in una buca se cosi si può chiamare, le mia ruota si è nettamente squarciata di lato e il cerchio rovinato. io sono subito sceso e visto che avevo la macchinetta digitale ho fatto 10 foto in totale, inquadrando targa via e buca e ovviamente la gomma bucata.

Solo che questo è avvenuto il 10 febbraio sono ancora in tempo per fare una denuncia? intanto la gomma l'ho sostituita. grazie mille della vostra risposta.



RISPOSTA



Ai sensi dell’articolo 2947, I e II comma del codice civile, “Il diritto al risarcimento del danno derivante da fatto illecito si prescrive in 5 anni dal giorno in cui il fatto si è verificato” “Per il risarcimento del danno prodotto dalla circolazione dei veicoli di ogni specie, il diritto si prescrive in 2 anni”.


Sei perfettamente nei termini per agire in giudizio nei confronti del Comune di Roma; rivolgiti ad un avvocato per la redazione dell’atto di citazione con cui richiedere il risarcimento dei danni che sono conseguenza immediata e diretta del sinistro.


Secondo la più recente giurisprudenza, il danno è risarcibile soltanto se la buca rappresentava un’insidia imprevedibile ed inevitabile per il conducente dell’autovettura. Pertanto, in giudizio, occorrerà dimostrare che, nonostante l’ordinaria diligenza richiesta al conducente di un’autovettura, il pericolo non era evitabile, in quanto non visibile e non segnalato. Cordiali saluti

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale