Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Autorizzazione del prefetto al porto d'armi per guardia giurata





Buon giorno nel 91 a militare sono stato beccato con 2 grammi di fummò quindi condannato a 2 mesi di reclusione(che non ho fatto) o 100.000 lire di multa nel 2010 ho fatto richiesta di porto d'arma per guardia giurata ma molto probabilmente non me lo daranno per questi fatti cosa posso fare per averlo?



RISPOSTA



Il tuo pessimismo non è giustificato dalla normativa in materia di autorizzazione prefettizia al porto d’arma.
Per ottenere il porto d'arma è necessario essere maggiorenni ed avere una ragione valida e motivata che giustifichi il bisogno di andare armati. L'autorizzazione, rilasciata dal Prefetto, permette il porto dell'arma fuori dalla propria abitazione e ha validità annuale.

I requisiti soggettivi relativi al rilascio della suddetta autorizzazione prefettizia sono previsti dal testo unico sulle leggi di pubblica sicurezza (R.D. 18.6.1931, N.773).
Leggiamo gli articoli 11, 12 e 43 del T.U.L.P.S.

ART.11: Salve le condizioni particolari stabilite dalla legge nei singoli casi, le autorizzazioni di polizia debbono essere negate:
1. a chi ha riportato una condanna a pena restrittiva della libertà personale superiore a tre anni per delitto non colposo e non ha ottenuto la riabilitazione; 2. a chi è sottoposto all'ammonizione o a misura di sicurezza personale o è stato dichiarato delinquente abituale, professionale o per tendenza.
Le autorizzazioni di polizia possono essere negate a chi ha riportato condanna per delitti contro la personalità dello Stato o contro l'ordine pubblico, ovvero per delitti contro le persone commessi con violenza, o per furto, rapina, estorsione, sequestro di persona a scopo di rapina o di estorsione, o per violenza o resistenza all'autorità (e a chi non può provare la sua buona condotta).
Le autorizzazioni devono essere revocate quando nella persona autorizzata vengono a mancare, in tutto o in parte, le condizioni alle quali sono subordinate, e possono essere revocate quando sopraggiungono o vengono a risultare circostanze che avrebbero imposto o consentito il diniego della autorizzazione.


ART.12: Le persone che hanno l'obbligo di provvedere all'istruzione elementare dei fanciulli ai termini delle leggi vigenti, non possono ottenere autorizzazioni di polizia se non dimostrano di avere ottemperato all'obbligo predetto. Per le persone che sono nate posteriormente al 1885, quando la legge non disponga altrimenti, il rilascio delle autorizzazioni di polizia è sottoposto alla condizione che il richiedente stenda domanda e apponga di suo pugno, in calce alla domanda, la propria firma e le indicazioni del proprio stato e domicilio. Di ciò il pubblico ufficiale farà attestazione.

ART. 43: Oltre a quanto è stabilito dall'art. 11, non può essere conceduta la licenza di portare armi:
a) a chi ha riportato condanna alla reclusione per delitti non colposi contro le persone commessi con violenza, ovvero per furto, rapina, estorsione, sequestro di persona a scopo di rapina o di estorsione;
b) a chi ha riportato condanna a pena restrittiva della libertà personale per violenza o resistenza all'autorità o per delitti contro la personalità dello Stato o contro l'ordine pubblico;
c) a chi ha riportato condanna per diserzione in tempo di guerra, anche se amnistiato, o per porto abusivo di armi.
La licenza può essere ricusata ai condannati per delitto diverso da quelli sopra menzionati (e a chi non può provare la sua buona condotta) o non dà affidamento di non abusare delle armi.


Tanto premesso, sei in possesso dei requisiti soggettivi per ottenere il porto d’armi.

Tali norme sono riportate chiaramente sul modello per ottenere l’autorizzazione in questione, scaricabile dal sito web della polizia di Stato. Allego il modello alla presente consulenza.
Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.
Cordiali saluti.



Condizioni ostative rilascio porto d'armi ad uso sportivo. Richiesta questura





Salve,sono un ragazzo di 28 anni studente universitario fuorisede (convivo con altri studenti). Nel 2009 mi hanno ritirato la patente contestandomi guida in stato di ebrezza (0,82g/l) a cui io ho fatto ricorso dato che mi ero sottoposto il giorno prima ad intervento chirurgico e stavo seguendo una terapia con un farmaco che alza di parecchio l'alcolemia nel sangue. Il procedimento è caduto in prescrizione lo scorso mese. Nel 2011 la polizia entrando in casa mia a Milano dove convivevo con degli altri ragazzi ha trovato tre piantine di cannabis appena nate accusandoci di detenzione ai fini di spaccio. Siamo stati stati assolti in formula piena l'anno successivo. Non essendo io nelle condizioni ostative previste dalla legge (non ho alcuna denuncia a carico e non sono stato condannato penalmente) ho deciso, nel settembre 2012 di richiedere il porto d'armi ad uso sportivo presentando l'intera documentazione necessaria. Ad oggi 12 aprile 2012 la questura continua a dirmi di aspettare perchè la mia condizione è in fase di accertamento. Sono nella condizione di potermi veder negato il porto d'armi? come posso fare per velocizzare la cosa?



RISPOSTA



Il questore prima di rilasciare il porto d'armi per uso sportivo, deve accertare che il richiedente non si trovi nelle condizioni ostative previste dagli artt. 11, 12 e 43 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18 giugno 1931, n. 773.
In base alle nome riportate in seguito, in base a quanto descritto nella tua mail, tu hai diritto di ottenere il porto d'armi. In genere il porto d'armi in questione è rilasciato dopo tre mesi dalla presentazione di tutti i documenti richiesti, indicati nel sito web della polizia di stato.

ART.11: Salve le condizioni particolari stabilite dalla legge nei singoli casi, le autorizzazioni di polizia debbono essere negate:
1. a chi ha riportato una condanna a pena restrittiva della libertà personale superiore a tre anni per delitto non colposo e non ha ottenuto la riabilitazione; 2. a chi è sottoposto all'ammonizione o a misura di sicurezza personale o è stato dichiarato delinquente abituale, professionale o per tendenza.
Le autorizzazioni di polizia possono essere negate a chi ha riportato condanna per delitti contro la personalità dello Stato o contro l'ordine pubblico, ovvero per delitti contro le persone commessi con violenza, o per furto, rapina, estorsione, sequestro di persona a scopo di rapina o di estorsione, o per violenza o resistenza all'autorità (e a chi non può provare la sua buona condotta).
Le autorizzazioni devono essere revocate quando nella persona autorizzata vengono a mancare, in tutto o in parte, le condizioni alle quali sono subordinate, e possono essere revocate quando sopraggiungono o vengono a risultare circostanze che avrebbero imposto o consentito il diniego della autorizzazione.

ART.12: Le persone che hanno l'obbligo di provvedere all'istruzione elementare dei fanciulli ai termini delle leggi vigenti, non possono ottenere autorizzazioni di polizia se non dimostrano di avere ottemperato all'obbligo predetto.
Per le persone che sono nate posteriormente al 1885, quando la legge non disponga altrimenti, il rilascio delle autorizzazioni di polizia è sottoposto alla condizione che il richiedente stenda domanda e apponga di suo pugno, in calce alla domanda, la propria firma e le indicazioni del proprio stato e domicilio. Di ciò il pubblico ufficiale farà attestazione.

ART. 43: Oltre a quanto è stabilito dall'art. 11, non può essere conceduta la licenza di portare armi:
a) a chi ha riportato condanna alla reclusione per delitti non colposi contro le persone commessi con violenza, ovvero per furto, rapina, estorsione, sequestro di persona a scopo di rapina o di estorsione;
b) a chi ha riportato condanna a pena restrittiva della libertà personale per violenza o resistenza all'autorità o per delitti contro la personalità dello Stato o contro l'ordine pubblico;
c) a chi ha riportato condanna per diserzione in tempo di guerra, anche se amnistiato, o per porto abusivo di armi.
La licenza può essere ricusata ai condannati per delitto diverso da quelli sopra menzionati (e a chi non può provare la sua buona condotta)* o non dà affidamento di non abusare delle armi.

Tanto premesso, per sollecitare l'iter amministrativo, occorre scrivere in questura un sollecito del tipo.

Al signor questore.
Premesso che ho richiesto porto d'armi per uso sportivo in data ______________, ho prodotto la seguente documentazione in data __________________________, Non sussistono nei miei confronti le condizioni ostative previste dagli artt. 11, 12 e 43 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18 giugno 1931, n. 773, in quanto con sentenza n. ___________, sono stato assolto (narrare brevemente la tua vicenda conclusasi con l'assoluzione) ed il procedimento per guida in stato di ebbrezza è caduto in prescrizione nel ______________.
Secondo la Corte Costituzionale, sentenza 2-16 dicembre 1993, n. 440, l'art.11, secondo comma, ultima parte, testo unico pubblica sicurezza, è incostituzionale nella parte in cui pone a carico dell'interessato l'onere di provare la sua buona condotta.

Tanto premesso e ritenuto, sono a chiedervi le ragioni del ritardo nella concessione del porto d'armi, quali sono gli accertamenti in corso, oltre alle motivazioni per cui il sottoscritto non avrebbe, al momento, i requisiti di buona condotta per ottenere quanto legittimamente richiesto.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale