Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Diritto privato - Rinnovo del contratto di locazione, aumento ISTAT del canone; cauzione.





Mi chiamo M., risiedo a Torino e sono proprietario di un alloggio che ho affittato con un contratto quadriennale 4 + 4  in data 1.11.2007.
Il prossimo 31 ottobre 2011 esso dovrà, come prescrive la legge, essere rinnovato per altri 4 anni.
A proposito , Vi domando :

1) in occasione di questo rinnovo, il sottoscritto/localore potrà aumentare il canone d'affitto concordando l'importo con l'inquilino/locatario ?
2) alla scadenza finale del contratto (31/10/2015)  il sottoscritto locatore potrà ottenere la revoca del contratto e la restituzione dell'alloggio libero ?
3) Il contratto di locazione sottoscritto da entrambi i contraenti contiene la seguente clausola  :  "sono interamente a carico della conduttrice le spese relative all'energia elettrica, gas e tutte le spese condominiali (riscaldamento, ascensore, pulizia scale, consumo acqua, tasse rifiuti, ecct.)
Domanda : se la conduttrice non paga e non pagherà queste spese, alla fine sarà il proprietario/locatore a doverle pagare ??

Con ringraziamenti e saluti.



RISPOSTA



Rispondo alle tue domande:

1)In occasione del rinnovo del contratto, il proprietario non può modificare l'importo del canone di locazione, senza il consenso dell'inquilino; il canone sarà assoggettato quindi, soltanto all'aumento ISTAT. L'inquilino ha diritto di rinnovare il contratto per altri quattro anni, alle stesse condizioni economiche, salvo l'aumento ISTAT.

2)Certamente sì; non parlerei di revoca del contratto, ma di cessazione degli effetti dello stesso. Il conduttore dovrà restituire la disponibilità dell'immobile al locatore.

3)E' ovvio che se le utenze dovessero essere intestate al proprietario, laddove la conduttrice non provvedesse al pagamento delle bollette, toccherebbe al locatore sopportare il relativo onere economico; tuttavia, il locatore potrà rivalersi in seguito sulla conduttrice, agendo giudizialmente in rivalsa nei suoi confronti, per ottenere il rimborso di quanto speso per le utenze. Più semplicemente, il locatore tratterrà una quota della cauzione, versata dalla conduttrice al momento della stipula del contratto, per un importo pari alle spese per utenze varie, sostenute al posto della stessa.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.
Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale