Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Diritto privato - Rottura delle tubazioni condominiali e rimborso spese





Spett.le Studio Legale, egregi avvocati,

abito in una piccola palazzina senza amministratore perchè siamo in quattro inquilini. Al mio vicino di casa si è rotto un tubo dell'acqua e senza interpellare nessuno ha chiamato un tecnico perchè identificasse dov'era la rottura. Il tecnico ha detto che i tubi che percorrono il giardino sono vecchissimi e vanno sostituiti per riparare il danno, ma che vista la vicinanza di quest'ultimi è impossibile sostituire solo quello rotto del mio vicino senza il rischio di rompere gli altri. Così ha preventivato una spesa di 1.000 euro a testa per la sostituzione dei tubi, gli scavi ed il lavoro. Sono tenuto a pagare visto che i miei tubi anche se vecchi non necessitano di sostituzione ? E' da ritenersi un lavoro condominiale o visto che il danno lo ha subito il vicino deve farsi carico delle spese, o per lo meno di una parte maggiore di esse ? Avevo proposto che avrei pagato solo i miei tubi nuovi e la manodopera senza le spese di scavi e copertura. Ringraziando, porgo i miei migliori saluti.



RISPOSTA



No, non sei tenuto a pagare; il tuo vicino non potrebbe avvalersi della norma contenuta nell'articolo 1110 del codice civile.

Art. 1110 del codice civile. Rimborso di spese.

Il partecipante che, in caso di trascuranza degli altri partecipanti o dell'amministratore, ha sostenuto spese necessarie per la conservazione della cosa comune, ha diritto al rimborso.

Il tuo vicino avrebbe dovuto convocare tutti i condomini, per decidere in modo consensuale, il “da farsi”. Sebbene non ci sia un amministratore di condominio, la decisione di sostituire tutte le tubature doveva essere presa con la maggioranza di cui all'articolo 1105 del codice civile, ossia la maggioranza dei partecipanti, calcolata secondo il valore delle loro quote, ossia delle loro proprietà individuali.
Vorrei ricordare al tuo vicino che, ai sensi del comma uno dell'articolo 1105 del codice civile, tutti i partecipanti hanno diritto di concorrere nell'amministrazione della cosa comune.

Art. 1105 del codice civile. Amministrazione.

Tutti i partecipanti hanno diritto di concorrere nell'amministrazione della cosa comune. Per gli atti di ordinaria amministrazione le deliberazioni della maggioranza dei partecipanti, calcolata secondo il valore delle loro quote, sono obbligatorie per la minoranza dissenziente.
Per la validità delle deliberazioni della maggioranza si richiede che tutti i partecipanti siano stati preventivamente informati dell'oggetto della deliberazione.
Se non si prendono i provvedimenti necessari per l'amministrazione della cosa comune o non si forma una maggioranza, ovvero se la deliberazione adottata non viene eseguita, ciascun partecipante può ricorrere all'autorità giudiziaria. Questa provvede in camera di consiglio e può anche nominare un amministratore.

I condomini, sempre a maggioranza, avrebbero chiesto almeno 5 preventivi per fare un confronto concorrenziale, avrebbero chiesto ad almeno 5 idraulici se davvero fosse necessario sostituire tutte le tubature del condominio !!!

Sai come sono fatti alcuni idraulici … per una minima rottura ad un tubo, vogliono sostituire tutto l'impianto per aumentare la “paga” !!!

Mi dispiace per il tuo vicino, ma le sue richieste sono giuridicamente inaccettabili, anzi ti dirò di più … sono fuori da ogni logica !!!

La decisione di cambiare l'intero sistema di tubature, deve essere presa a maggioranza da tutti i condomini.
Il vicino ha diritto di cambiare solamente il suo tubo rotto, mentre tu non sei obbligato a cambiare la tua tubatura che, sebbene vecchia, è perfettamente funzionante.

Il tuo vicino pertanto, deve trovare un idraulico che sia in grado di cambiare il suo tubo rotto, senza danneggiare la tubature condominiali e senza cambiarle (tranne che la maggioranza decida di modificare l'intero impianto delle tubature !!!).

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale