Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Prescrizione bollette di luce, gas, acqua, telefono. Non pagare le bollette dopo 5 anni





Salve, il mio problema è che ho ricevuto delle lettere da una società di recupero crediti (la prima datata 02/06/2010) in cui mi si intimava di pagare delle bollette enel scadute dal 2000 al 2005 per un importo di EUR 7.237,59 più interessi di EUR 2.120,45 per un totale di EUR 9.358,05.
Quando ero gestore di un locale in Puglia, purtroppo nel trasferirmi in Lombardia nel 20017 ho perso tutte le ricevuto per questo sono impossibilitato nel dimostrare l'avvenuto pagamento di tali bollette.
Mi suggerite di chiamare la società di recupero crediti e chiedere la dilazione del debito o c'è la possibilità che siano andate in prescrizione o in decadenza?
Attendo una vostra risposta e colgo l'occasione per porgervi i miei distinti saluti.

 

RISPOSTA



Per ciò che concerne le bollette relative ai consumi di luce, acqua, gas e telefono, la prescrizione è di cinque anni (come dichiarato dall’articolo 2948 numero 4 del codice civile). La preiscrizione si riferisce ai: rifornimenti di energia elettrica; rifornimenti di acqua potabile; linee telefoniche, fax, internet ADSL dei vari operatori di telecomunicazioni; rifornimenti di gasolio, metano e riscaldamento.

Art. 2948 del codice civile. Prescrizione di cinque anni. [1]

Si prescrivono in cinque anni:
1) le annualità delle rendite perpetue o vitalizie;
1 bis) il capitale nominale dei titoli di Stato emessi al portatore;
2) le annualità delle pensioni alimentari;
3) le pigioni delle case, i fitti dei beni rustici e ogni altro corrispettivo di locazioni;
4) gli interessi e, in generale, tutto ciò che deve pagarsi periodicamente ad anno o in termini più brevi;
5) le indennità spettanti per la cessazione del rapporto di lavoro.

Perché non ricordare alla società di recupero crediti la suddetta norma ???

Sempre a tua disposizione.

Cordiali saluti.

Fonti: