Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Diritto privato - Come dimostrare di avere speso 10.000 euro per arredare un'unità immobiliare, con pagamento in contanti, senza lasciare nessuna traccia ?





Salve,
mi chiamo Paola e ho un quesito di tipo legale da sottoporre alla Vostra attenzione: otto anni fa,mi sono presa cura emotivamente e fisicamente,di una zia sull'orlo del suicidio.
Lei ha insistito a lungo,affinchè io le dessi la possibilità di andare a vivere in una mansarda grezza,posta sopra il mio appartamento di proprietà,che risulta essere sottotetto dello stesso appartamento.Io le ho più volte detto che non avrei potuto rendergliela abitabile,ma lei ha sempre risposto che l'avrebbe sistemata a spese sue,senza mai chiederci nulla in cambio,se non la possibilità di viverci,per uscire da una situazione familiare insostenibile.
Le ho dunque dato il permesso di ristrutturarla e lei lo ha fatto. in comune è stata presentata dal geometra una Dia e i lavori sono stati fatti,con un costo di 25,000 euro,che lei ha pagato in contanti ai muratori e che ha voluto fare senza ricevuta,per non pagare tasse. L'ha infine arredata,con altri 10,000 euro di spesa,in contanti,poi mi ha fatto fare il trasloco della sua roba da casa.
Abbiamo attaccato anche il gas,mentre la luce dovevamo prenderla dall'appartamento sotto,legalmente affittato,perchè essendo un sottotetto,l'enel non ci dava la possibilità di avere un contatore autonomo.Non ce n'è però stato bisogno,perchè la zia,pur tenendo le chiavi,non ha mai abitato lì,per sua scelta dell'ultimo secondo.
Ora,dopo 8 anni,minaccia di intentare azione legale se non verrà rimborsata dei 25,000 euro.
Le ho detto che i mobili può riprenderseli o venderli,ma lei vuole lasciare tutto lì e riavere i soldi.
Ora il problema è che di quella mansarda come è stata fatta io non me ne faccio nulla. In quanto il progetto futuro sarà quello di aprire una scala dall'appartamento di sotto e unificarlo alla mansarda.

Quindi ci sarà da smantellare il tutto. Un conto era la mansarda libera come era in origine, un altro è ora dal momento che bisogna prima smantellare e poi rifare i lavori.
Questo lo abbiamo fatto per aiutarla.
Mi conviene pagare o avrei ragione piena in una causa?
Ringraziando in anticipo,cordialmente saluto.



RISPOSTA



Ti conviene mandare al diavolo la zia e dirle chiaramente che se pensa di avere ragione, proceda pure con una causa civile. Dille anche che è una perfetta idiota per il seguente motivo:

come potrebbe dimostrare al giudice di avere speso 25.000 euro per ristrutturare la mansarda, visto che ha pagato in contanti e non ha chiesto nemmeno la fattura ???!!!
E' davvero un'idiota …

Come potrebbe dimostrare di avere speso 10.000 euro per arredare l'unità immobiliare, se ha effettuato il pagamento in contanti, senza lasciare nessuna traccia dello stesso ???!!!

Dovrebbe davvero vergognarsi questa signora … non solo è un'ingrata, è anche stupida !!!

Sinceramente, le richieste della zia sono talmente assurde che penso di averle smontate in poche righe … perdonerai quindi la laconicità della mia consulenza.

Ad ogni modo sono a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale