Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Diritto privato - Forma dell'opposizione al decreto ingiuntivo





La nostra società ha ricevuto in data 3 novembre 2011 la notifica di  un decreto ingiuntivo emesso in data 29 settembre.

Non avendolo opposto, in data 27 Gennaio 2012 è stato notificato il  precetto, dandoci 10 giorni per pagare.

Oggi, contattando il legale della controparte per chiedere il  conteggio esatto dell'importo da versare inclusi interessi, abbiamo  notato che la data indicata in calce al testo del precetto è errata,  in quanto è stato indicato 17 Febbraio 2011 (cioè prima ancora che  venisse emesso il decreto ingiuntivo, in data 29 Settembre 2011).

Si tratta ovviamente di un refuso,la data di notifica poi è corretta,  ma può essere sfruttato per  opporre il precetto e ritardare il  pagamento. Se si con che tempi visto che i dieci giorni scadono oggi?

Grazie.



RISPOSTA



Sì, è possibile fare opposizione agli atti esecutivi, ai sensi dell'articolo 617 del codice di procedura civile.

Art. 617 del codice di procedura civile. Forma dell'opposizione

Le opposizioni relative alla regolarita' formale del titolo esecutivo e del precetto si propongono, prima che sia iniziata l'esecuzione, davanti al giudice indicato nell'articolo 480 terzo comma, con atto di citazione da notificarsi nel termine perentorio di venti giorni dalla notificazione del titolo esecutivo o del precetto.
Le opposizioni di cui al comma precedente che sia stato impossibile proporre prima dell'inizio dell'esecuzione e quelle relative alla notificazione del titolo esecutivo e del precetto e ai singoli atti di esecuzione si propongono con ricorso al giudice dell'esecuzione nel termine perentorio di venti giorni dal primo atto di esecuzione, se riguardano il titolo esecutivo o il precetto, oppure dal giorno in cui i singoli atti furono compiuti.

Si tratta di un'opposizione relativa alla regolarità formale del precetto. Tanto premesso, si tratta davvero di arrampicarsi sugli specchi !!!

Il creditore, non ci metterà molto a notificare alla società un nuovo precetto !!! guadagnerete soltanto qualche giorno, ma la sostanza della presente vertenza giuridica non muterà affatto !!!

L'opposizione potrebbe essere proposta anche domani, è irrilevante la circostanza per cui i dieci giorni saranno scaduti questa sera.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale