Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Criteri di determinazione assegno di mantenimento tabelle tribunale di Monza





Sono la nuova compagna di un uomo che è in procinto di separasi. E' uscito di casa a settembre del 2012 e ormai siamo presto alla firma. L'anno scorso non sapendo bene cosa e quanto doveva alla moglie, avendo due bimbi di 10 e 12 anni, si era accordato per 250 euro mensili più un aiuto per le bollette e utenze. Il mio compagno percepisce uno stipendio da dipendente di € 1600 circa e la moglie, di € 1500.
La moglie vive in comodato nella casa dei propri genitori. Il mio compagno invece vive con me.
Nella proposta del legale della moglie si parla di € 500 per il mantenimento dei figli e il pagamento del suo legale. Il mio compagno ha paura che, se arrivano ad una giudiziale, di pagare molto più di 500 euro al mese.
C'è il rischio che sia veramente molto più alto l'assegno?

RingranziandoVi per la possibilità, porgo cordiali saluti



RISPOSTA



Secondo le tabelle del tribunale di Monza, utilizzate dai tribunali di merito italiani per determinare il mantenimento dei figli, nell'ipotesi in cui al coniuge affidatario dei figli minori ed assegnatario della casa coniugale non sia liquidato alcun assegno per il proprio mantenimento, il mantenimento dei figli minorenni deve essere così calcolato.

Riporto in seguito quanto previsto dalle tabelle del tribunale di Monza.

Nel caso in cui al coniuge affidatario dei figli minori ed assegnatario della casa coniugale non sia liquidato alcun assegno per il proprio mantenimento la liquidazione del contributo al mantenimento dei figli, da porsi a carico dell’altro coniuge, potrà variare in relazione al numero dei beneficiari.
Nelle situazioni reddituali medie (operaio/impiegato; € 1.200,00 / 1.600,00 mensili per 13 o 14 mensilità), in assenza di particolari altre condizioni valutative (ad esempio: proprietà immobiliari molteplici; depositi o conti correnti di non scarsa entità), la liquidazione ipotizzabile, in relazione ai redditi dell’obbligato, è la seguente:

- in presenza di un solo figlio: assegno pari al 25% circa del reddito (€ 300,00 / € 400,00)

- in presenza di due figli: assegno pari a circa il 40% del reddito (€ 480,00 / € 640,00)

- in presenza di tre figli: assegno pari al 50% circa del reddito (€ 600,00 / € 800,00).

L'assegno di mantenimento a favore dei figli minorenni, potrebbe anche essere pari a 600 euro mensili, in caso di separazione giudiziale (40% del reddito del padre). Confermo quindi la fondatezza dei timori del tuo partner. Confermo l'opportunità di evitare una separazione giudiziale.

Siamo a disposizione per tutti i chiarimenti del caso.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale