Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Badante colf in nero sanzioni amministrative Centro per l'impiego. Furto in casa della colf non iscritta all'INPS. Denunzia





Buongiorno, dopo aver chiesto in giro a conoscenti ed amici, la nostra vicina di casa ci ha dato il numero di telefono di una donna che va da lei a stirare e fare dei lavori in casa. Ci ha detto che era fidatissima, che lei le lascia anche le chiavi di casa, così ci siamo fidati anche noi, ingenuamente e scioccamente. Ho poi scoperto che era una ladra, apparentemente portava via monetine ed oggetti di poco conto, da una verifica più approfondita mancano alcuni oggetti d'oro. In casa entrava solo lei, la lasciavo da sola perchè lavoro, però avuto la certezza che rubava facendo la lista di monete e banconote nel cestello degli spiccioli e facendo la spunta appena è uscita di casa: mancavano soldi e poi sono seguite le verifiche sul resto. Adesso, quale sarebbe la cosa migliore? fare denuncia alla polizia/carabinieri? Della donna non sappiamo niente, abbiamo solo i suoi due numeri di cellulare, è una brasiliana, pagata in contanti, ma non regolarizzata, anche la conoscente che ce l'ha da diversi anni non sa nè dove abita e nè ha un suo documento d'identità. In caso di denunzia, posso rischiare qualcosa? cioè può verificarsi qualcosa di simile al caso che avete pubblicato nel vostro archivio della colf che minaccia di avviare una vertenza lavorativa nei confronti del datore di lavoro perchè in nero? anche se per poche ore a settimane (5)? Rischio qualche tipo di sanzione per questa collaborazione, anche se minima, in nero?



RISPOSTA



Nulla ti vieta di sporgere denunzia per furto … ma quali potrebbero essere gli scenari a seguito della tua denunzia ???
Non hai né un nome né un cognome e le schede telefoniche potrebbero essere intestate a chiunque !!!
Non avete un indirizzo di casa né una carta d'identità !!!
Inoltre, presentando denunzia per furto, implicitamente ammetteresti di …

1)non avere comunicato l'assunzione della badante all'INPS

Avevi l'obbligo di comunicare all'Inps l'assunzione e anche l'eventuale cessazione del rapporto di lavoro. Se il datore di lavoro omette o ritarda la comunicazione obbligatoria all'Inps, deve pagare una sanzione amministrativa al Centro per l'Impiego che va da 200 a 500 euro per ogni lavoratore.

2)non avere iscritto il lavoratore all'INPS

Inviando la comunicazione all'INPS all'atto dell'assunzione, il lavoratore viene iscritto all'INPS. La Direzione Provinciale del Lavoro potrebbe applicare nei tuoi confronti, una sanzione da 1.500 euro a 12.000 euro per ciascun lavoratore "in nero", maggiorata di 150 euro per ciascuna giornata di lavoro effettivo, cumulabile con le altre sanzioni amministrative e civili previste contro il lavoro nero.

3)non avere pagato i contributi alla colf

La legge prevede che, per l'omesso pagamento dei contributi di ogni lavoratore, il datore di lavoro debba pagare le sanzioni civili al tasso del 30% in base annua calcolate sull'importo dei contributi evasi con un massimo del 60% ed un minimo di 3.000 euro, indipendentemente dalla durata della prestazione lavorativa accertata. Quindi, anche per una sola giornata di lavoro "in nero", il datore di lavoro può essere punito con la sanzione minima applicabile di 3.000 euro.

Ovviamente tale sanzione è cumulabile con la precedenti sanzioni civili ad amministrative.

In considerazione di quanto scritto, ti chiedo: il gioco vale la candela ???
A mio parere, assolutamente no !!!

La denunzia per furto non ti consentirebbe di recuperare quanto sottratto della colf, ma ti esporrebbe a sanzioni civili ed amministrative piuttosto onerose per il datore di lavoro.

Consiglio a malincuore di desistere dall'intento di sporgere denunzia per furto nei confronti della Colf.

Siamo a disposizione per tutti i chiarimenti del caso.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale