Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Rinunzia all'eredità per non rispondere dei debiti del defunto





Vorrei avere delucidazioni riguardo un' eventuale eredità di debiti.Il fratello minore di mio padre ha da sempre avuto il vizio del gioco, e a causa di ciò pare aver sperperato ogni avere, fino a vendere la nuda proprietà della casa in cui vive attualmente. Mio padre non ha più avuto rapporti con lui da molto tempo, ma recentemente la sorella lo ha contattato dicendogli che il fratello minore è in fin di vita e che lei ed il resto della famiglia (nipoti) non vogliono avere nulla a che fare con il pagamento di un eventuale funerale. Premesso che un funerale non si nega a nessuno, e quindi in caso di morte dello zio ci penseremmo noi, ciò che mi preoccupa è l'eventuale presenza di debiti, dei quali non ci è possibile verificarne l'esistenza al momento. Nel caso dovessero essercene, e non so con chi, cosa rischia mio padre?  Può fare qualche azione preventiva per evitare problemi. Quali sono le responsabilità sue e della sorella, ed eventualmente dei nipoti? Grazie per la Vostra disponibilità.



RISPOSTA



La soluzione è soltanto una: tutti i fratelli e tutti i nipoti devono provvedere a fare la rinunzia all'eredità, nei modi di cui all'articolo 519 del codice civile: con dichiarazione ricevuta dal cancelliere del tribunale.

Art. 519 del codice civile. Dichiarazione di rinunzia.

La rinunzia all'eredità deve farsi con dichiarazione, ricevuta da un notaio o dal cancelliere del tribunale del circondario in cui si è aperta la successione, e inserita nel registro delle successioni.
La rinunzia fatta gratuitamente a favore di tutti coloro ai quali si sarebbe devoluta la quota del rinunziante non ha effetto finché, a cura di alcuna delle parti, non siano osservate le forme indicate nel comma precedente.

Occorre andare presso la cancelleria del tribunale civile dell'ultima residenza del fratello deceduto, e compilare una dichiarazione di questo tipo.

http://www.ilsole24ore.com/pdf2010/SoleOnLine5/_Oggetti_Correlati/Documenti/Norme%20e%20Tributi/2011/10/guida-successioni/documenti/07B_RINUNCIA-EREDITA-ATTO.pdf

Ti chiedo una precisazione. Il fratello morirà senza lasciare beni, giusto ? Laddove avesse beni intestati, sarebbe opportuno invece procedere con l'accettazione con beneficio di inventario (in tal caso dovreste rivolgervi ad un notaio per fare l'inventario dei beni del fratello).

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale