Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Pignoramento Equitalia l'usufrutto della prima ed unica casa di proprietà





buona sera avrei necessità di avere un chiarimento in quanto a mio suocero è stato pignorato da Equitalia anni fa l'usufrutto della prima ed unica casa di proprietà e lasciando a mia suocera la sua nuda proprietà. passati alcuni anni ci è stato notificato che l'usufrutto è stato trasferito al Demanio.
Vorremmo sapere se in questo caso, la procedura dell'usufrutto decade dopo la morte di mio suocero oppure valgono termini diversi in quanto sulla visura appare prorpio che è stato ceduto tale usufrutto al Demanio di cui ne è titolare. grazie mille



RISPOSTA



Si applicano termini diversi circa la durata dell'usufrutto, ossia si applica il termine trentennale a far data dall'intestazione del diritto reale all'agenzia del demanio, ai sensi dell'articolo 979 del codice civile. Diventa irrilevante quindi la data della morte dell' ex usufruttuario ! Uno dei tratti caratteristici dell’usufrutto, tale da diversificarlo dagli altri diritti reali, è la sua necessaria temporaneità, secondo quanto stabilito dall’art. 979 del codice civile che dispone al primo comma: “la durata dell’usufrutto non può eccedere la vita dell’usufruttuario”, mentre nel caso in cui l’usufrutto sia costituito a favore di persona giuridica non potrà superare i trent’anni. La ragione principale della temporaneità dell’istituto è dovuta dall’alternativa inaccettabile di uno svuotamento del contenuto del diritto di proprietà che deriverebbe da una protrazione senza limiti dell’usufrutto stesso. Ciò sarebbe in contrasto con la funzione sociale della proprietà stabilità in linea di principio generale dall’art. 42 della Costituzione.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale