Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Passaggio di proprietà auto tra privati, difetti riscontrati



 

Fabio da Padova:

 

Salve, il mio problema è il seguente: in data 21.09.2009 trasferisco la proprietà della mia auto ad un acquirente con vendita tra privati facendo presente ciò che era stato fatto alla macchina, che comunque non ha mai dato problemi di sorta nei quasi due anni in cui l'ho usata, cosa consigliavo di fare etc...(preciso anche che la macchina ha superato regolarmente la revisione a metà luglio '09); a distanza di quasi un mese (19.10.09) ricevo telegramma in cui questa persona afferma che a seguito di controlli (fatti un mese dopo l'acquisto?) il motore risulta danneggiato e di ritenere che io abbia volontariamente omesso di comunicarglielo e vorrebbe restituire il bene (che a mio parere può invece aver danneggiato di persona in questo mese di utilizzo) o ricevere denaro per partecipare alla riparazione. Aggiungo inoltre che il giorno della vendita sono andato di persona alla stazione dei treni a prendere l'acquirente che ha quindi viaggiato nell'auto per circa 20 Km, otre poi ad aver ispezionato personalmente la macchina nell'ora precedente l'apertura dell'agenzia di pratiche auto (vano motore compreso).
Vorrei quindi sapere come posso tutelarmi da eventuali pretese.
Grazie e buon lavoro.

 

RISPOSTA

Puoi tranquillamente infischiartene delle richieste dell'acquirente dell'autovettura.
Ai sensi dell'articolo 1495, I comma del codice civile, "il compratore decade dal diritto alla garanzia, se non denunzia i vizi al venditore entro 8 giorni dalla scoperta ..."
Il compratore ha avuto modo di ispezionare il veicolo nella sua interezza, di viaggiare nell'auto, di prendere la decisione di acquistare il bene, cosapevole dello stato in cui si trovava (peraltro, l'auto era in ottimo stato!).
Il comma II dell'articolo 1495 del codice civile, afferma che "La denunzia non è necessaria se il venditore ha riconosciuto l'esistenza del vizio o l'ha occultato"
Nel tuo caso specifico, la denunzia da parte dell'acquirente, (entro 8 giorni) era assolutamente necessaria.
Non hai riconosciuto il difetto, né tanto meno l'hai occultato al momento della vendita, anzi hai consentito all'acquirente di visionare il vano motore.
Il danno probabilmente è stato causato dal compratore, con un incauto utilizzo del mezzo, nel mese successivo al passaggio di proprietà. Ad ogni modo, non sono stati rispettati i termini perentori per agire in giudizio nei tuoi confronti.
Cordiali saluti.

 

 

 

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale