Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Diritto del lavoro - Diritto alla pensione ENPAM e pagamento dei contributi previdenziali.



Adriano da Roma



Pensione Enpam(179.54 €)sospesa da luglio 09 per aver lasciato appartamento di residenza,per difficoltà economiche,inviando comunque tel.cell. email e indirizzo di casella postale,dove speravo poter ricevere la pensione.Dopo ripetute richieste hanno detto che non la invieranno senza una residenza fissa.
Chiedo: se non potrò permettermi un appartamento in fitto,la mia pensione regol.pagata per30 anni,rimarrà nelle loro casse?
Grazie per una Vs risposta.



RISPOSTA



Il diritto di percepire la pensione Enpam, maturato con il regolare pagamento dei contributi dovuti per trent'anni, non si è certamente prescritto.
Semmai, la normativa in materia di pensioni Enpam, prevede che ogni variazione di residenza del beneficiario della pensione debba essere inoltrata all’Ente, esclusivamente per il tramite dell’Ordine di appartenenza. L’eventuale elezione di domicilio può invece, essere comunicata anche alla Fondazione, mediante l’apposito modulo, disponibile sul sito www.enpam.it. Ho allegato il relativo modulo alla mia risposta.
La dichiarazione di elezione di domicilio deve essere trasmessa a mezzo raccomandata o tramite fax al n. 06.48294.444, corredata della copia di un documento d’identità in corso di validità.
La residenza è la tua dimora abituale mentre il domicilio è la sede principale dei tuoi affari e interessi; la residenza e il domicilio di una persona fisica possono essere differenti ovvero possono coincidere.
E' prevista una sanzione in misura fissa, pari a 120,00 euro, per coloro che non provvedono a porre in essere i suddetti adempimenti previsti dalla normativa, in materia di variazione di residenza/domicilio.
NON E' TUTTAVIA PREVISTA LA SANZIONE DELLA SOSPENSIONE DELLA LIQUIDAZIONE DELLA PENSIONE.

In estrema sintesi, l'ordinamento giuridico non ti obbliga a prendere in locazione un appartamento, ma ad indicare una residenza e un domicilio, anche presso un parente o un amico.
Se non hai la possibilità economica, per stipulare un contratto di locazione, invia la dichiarazione di elezione di domicilio, presso una persona di fiducia, al numero sopra indicato. Successivamente, comunica all'Ordine di appartenenza, la variazione di residenza, indicando come tua dimora abituale, l'appartamento di una persona di fiducia; dichiara all'Ordine, di essere ospitato, in modo permanente, dal tuo parente/amico.

La variazione delle modalità di pagamento della pensione, deve essere comunicata direttamente per posta ordinaria, alla Fondazione Enpam, Servizio Prestazioni Fondo Generale, via Torino 38, 00184 Roma, oppure, al numero di fax 06 4829 4648, allegando copia di un documento d’identità in corso di validità.
Il modulo è reperibile nel sito www.enpam.it, cliccare su previdenza, modulistica, altre, modalità di pagamento della pensione Enpam, modello pagamento pensioni per i paesi aderenti alla Comunità Europea. Ho allegato il relativo modulo alla mia risposta. Hai evidentemente sbagliato le modalità per l'accreditamento della pensione.

I pensionati che non hanno ricevuto una o più mensilità di pensione, devono darne comunicazione alla Fondazione ENPAM, Servizio Prestazioni Fondo Generale, via Torino 38, 00184 Roma, anche tramite fax al n° 06.48.294.648.
Invia una richiesta, a tua firma, al fine di richiedere tutte le mensilità della pensione che non ti sono state erogate.
Se non provvederanno immediatamente a liquidare le somme dovute, dovrai rivolgerti da un avvocato, per citare in giudizio l'ente erogatore della pensione.

RIPETO: LA MANCATA COMUNICAZIONE DELLA VARIAZIONE DELLA RESIDENZA/DOMICILIO E' PUNITA CON LA SANZIONE DI 120,00 EURO E NON CON LA SOSPENSIONE DEL PAGAMENTO DELLA PENSIONE.

Utilizza sempre i moduli previsti nel sito www.enpam.it; le formalità burocratiche sono molto importanti.
Sono a tua disposizione per ulteriori chiarimenti.
Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale