Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Diritto del lavoro - Dimissioni e termine di preavviso



Adamo da Milano:



Salve! Potete aiutarmi? Lo spero! Sarò breve.
Dunque,lavoro come consulente informatico per conto terzi a Milano. Ho una sas.
A novembre-dicembre 2008 ho lavorato con una società con contratto. Ho continuato a lavorare con loro fino a giugno 2009, anche se il contratto non è mai stato rinnovato. A giugno ho cambiato società (sono passato alla società alla quale mi aveva 'venduto' la vecchia) e ho dato una settimana di preavviso per le dimissioni (anche se il 'contratto' scaduto prevedeva un mese). Ora, la vecchia società si è trattenuta tre settimane di mancato preavviso (circa 3000 euro), secondo voi è giusto? Tenete presente che la vecchia società ha ricevuto Tutti i pagamenti dalla nuova relativi alle mie prestazioni. Posso fargli causa? Posso sapere i costi e i tempi della causa? Mi posso difendere da solo anche senza un avvocato?
Grazie mille e cordiali saluti.
Adamo



RISPOSTA



E' evidente come la luce del sole, peraltro in pieno giorno, che hai subito un ingiustizia colossale.
Se un contratto di lavoro è scaduto, non ha più alcun effetto tra le parti.
Come può un contratto scaduto prevedere un termine di preavviso ?!
Le obbligazioni del contratto, ormai scaduto, sono sciolte e non vincolano più, né le parti, né tanto meno i terzi interessati alle prestazioni, indicate nelle disposizioni contrattuali.
La trattenuta effettuata dalla società è quindi illegittima, in quanto effettuata ai sensi di un contratto di lavoro, ormai privo di effetti giuridici.
Hai diritto di pretendere il rimborso della trattenuta effettuata (devi citare in giudizio la società; è necessaria tuttavia, l'assistenza di un avvocato) oltre al pagamento di tutti gli emolumenti che non ti sono stati versati, nel periodo in cui hai lavorato senza contratto, per la suddetta società.
La durata della causa dovrebbe essere tra i due ai cinque anni (dipende dal carico processuale del Tribunale del lavoro adito).
Le spese legali da sostenere si aggirano intorno ai 2.000 euro, tuttavia, in caso di sentenza per te favorevole, la società sarà condannata al pagamento di tutti i costi che hai dovuto sopportare, per ottenere giustizia.
Ti saranno rimborsate quindi, tutte le spese legali sostenute.
Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale