Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Diritto penale - Reato di disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone





Buongiorno, nel gennaio del 2010, mia sorella cambia casa, prendendo in affitto assieme ad altre due ragazze(trovate all'informagiovani) un appartamento con tre camere da letto(il contratto prevede che rimaniamo nell'appartamento almeno 12 mesi prima di poter andar via).
il contratto di affitto è intestato a tutte e tre, mentre le utenze a solo una di loro.
da ormai diversi mesi, le altre due ragazze, hanno un pessimo comportamento, non puliscono mai, fanno feste a qualsiasi ora del giorno e della notte, inoltre vi è un via vai di gente(con facce poche raccomandabili nell'appartamento), questo rende impossibile il dormire oltre che vivere in maniera decente nell'appartamento. iNOLTRE hanno GIA RICEVUTO RICHIAMI DAGLI ALTRI CONDOMINI, OLTRE CHE UNA VISITA DEI CARABINIERI. nonostante i continui richiami(litigi) con le altre due ragazze, e l'aver chiesto aiuto all'agenzia che gli ha affittato l'appartamento, le cose non cambiano. L'agenzia mi ha detto che loro non possono e non intendono intervenire, visto che non è loro competenza il rapporto personale tra le coinquiline. Come può fare mia sorella per lasciare l'appartamento senza perdere la sua quota di tre mensilità anticipate oltre che senza andare incontro ad eventuali richieste di danni, da parte dell'agenzia o delle altre due coinquiline?
posso chiedere io i danni per le notti non dormite ecc. ecc. subiti in questo periodo, se si come e in che sedi?
grazie distinti saluti



RISPOSTA



Perché non presentare denuncia, contro le coinquiline, ai sensi dell'articolo 659 del codice penale ??? Leggiamo insieme la norma.

Art. 659. Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone.

Chiunque, mediante schiamazzi o rumori, ovvero abusando di strumenti sonori o di segnalazioni acustiche, ovvero suscitando o non impedendo strepiti di animali, disturba le occupazioni o il riposo delle persone, ovvero gli spettacoli, i ritrovi o i trattenimenti pubblici, è punito con l'arresto fino a tre mesi o con l'ammenda fino a euro 309.

Hai scritto che nella casa hanno libero accesso persone poco raccomandabili; se si abita insieme, è possibile ospitare terzi estranei, soltanto con il consenso di tutti i coinquilini. L'appartamento non è un porto di mare, con gente che va e che viene e non può nemmeno diventarlo da un giorno all'altro.
Perché non presentare denuncia, sempre contro le coinquiline, ai sensi dell'articolo 614 del codice penale ???

Art. 614. Violazione di domicilio.

Chiunque s'introduce nell'abitazione altrui, o in un altro luogo di privata dimora, o nelle appartenenze di essi, contro la volontà espressa o tacita di chi ha il diritto di escluderlo, ovvero vi s'introduce clandestinamente o con inganno, è punito con la reclusione fino a tre anni.
Alla stessa pena soggiace chi si trattiene nei detti luoghi contro l'espressa volontà di chi ha il diritto di escluderlo, ovvero vi si trattiene clandestinamente o con inganno. Il delitto è punibile a querela della persona offesa.


Sicuramente, in una situazione come quella che mi hai descritto, ci sarà un uso ed abuso di droghe pesanti e leggere (gli ambienti universitari di Bologna, Parma e Rimini sono ben noti).
Se siete al corrente di ciò, sarebbe il caso di sporgere denuncia presso la Guardia di Finanza.
Tanto premesso, se tua sorella vuole lasciare la casa, senza perdere la caparra e senza esporsi a richieste di risarcimento danni, da parte di queste due luride, deve scrivere una lettera di questo tipo, all'agenzia ed al proprietario dell'appartamento.

Spett. agenzia xxxxx

spett. sig. xxxxxx

La presente per significarVi quanto segue:

la sottoscritta xxxx yyyyy, inquilina dell'immobile sito in P. via xxxxx numero 00, concesso in locazione con contratto annuale del xx/xx/xxxx, cointestato anche alle sig.re xxxxx e xxxxx, registrato il xx/xx/xxxx, segnala le seguenti problematiche, attinenti a delle questioni rilevanti per l'intero condominio, oltre che per il quieto vivere pubblico, e non soltanto relative ai rapporti tra le coinquiline.

1) nell'abitazione, a tutte le ore del giorno e della notte ….

2) è praticamente impossibile dormire a causa del trambusto causato da continue visite di persone poco raccomandabili …

3) l'igiene in casa è praticamente assente e la carenza di pulizia sta danneggiando la superficie dei sanitari ed i mobili dell'appartamento.

4) si fa regolarmente uso di droga, durante le feste organizzate a tutte le ore del giorno e della notte.

5) i condomini, in passato si sono lamentati a causa del ….

6) c'è stato già un accesso da parte dei carabinieri, nello svolgimento dei compiti di pubblica sicurezza, per ...

Tanto premesso, quanto sopra riportato è attinente a problematiche relative alla quiete pubblica, all'igiene ed al decoro dell'intero condominio, pertanto vi comunico che

1) nel caso in cui non doveste intervenire immediatamente, nell'incresciosa vicenda, interrompendo il contratto di locazione con le mie coinquiline e mandandole vie dall'appartamento, così come auspicato dall'intero condominio, denuncerò immediatamente il loro comportamento, presso gli uffici di polizia giudiziaria e vi riterrò complici di quanto accade regolarmente, nella mia abitazione.

2) A seguito delle suddette denunce, mi rivolgerò al mio legale, per citare in giudizio, dinanzi al tribunale, le mie coinquiline, l'agenzia intervenuta per la stipula del contratto di locazione, ed il proprietario dell'immobile, al fine di chiedere il risarcimento del danno alla salute (danno biologico), causato dalle notti insonni, trascorse a causa delle mie coinquiline.

3) Vorrei ricordarvi infine, che il contratto di locazione non prevedeva affatto che io vivessi in un porcile o presso un porto di mare, quindi, in caso di vostro mancato intervento, mi sentirò libera di interrompere il mio contratto di locazione, senza perdere il diritto alla restituzione della caparra.

4) Resto in attesa di un vostro riscontro.

Distinti saluti.

DATA LUOGO FIRMA

Manda questa lettera e vedrai come si sveglierà l'agenzia ed il proprietario di casa. Se non dovessero far nulla, sporgi denuncia per i reati suddetti, lascia la casa, pretendi la caparra indietro e cita in giudizio le coinquiline, per il danno alla salute che hai dovuto subire, a causa delle notti insonni.
Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.
Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale