Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Acquirente dell'immobile vuole impugnare l'atto di vendita a causa delle prostitute presenti nella zona





Mio figlio studia presso l'Università di ________ ed ha sempre dimorato in un appartamento in affitto. Io e mia moglie abbiamo deciso di acquistare per lui un appartamento in centro città. Dopo un lungo periodo di ricerca abbiamo trovato in via __________ quello che faceva al caso nostro. L'appartamento è stato trovato tramite agenzia, con l'assistenza della quale ho stipulato il compromesso presso il notaio per me o persona da destinare. Al momento dell'atto ho sciolto la riserva ed ho nominato mio figlio unico proprietario dell'immobile. In questi ultimi mesi siamo transitati diverse volte in via ___________, purtroppo nelle ore diurne e sempre di giorno feriale. L'appartamento si trova di fronte ad una scuola media gestita da suore ed a fianco c'è un istituto magistrale. Lungi quindi da noi immaginare che lì fosse presente un fiorente giro di prostituzione. Lo abbiamo scoperto subito dopo l'atto, approfittando della domenica per fare qualche lavoro di sistemazione dell'appartamento. Non capacitandomi di aver visto il movimento di donne di colore che chiaramente non stavano aspettando l'autobus, ho fatto una ricerca in Internet. Ho scoperto dagli articoli dei quotidiani, che sono almeno due anni che la popolazione residente ha dichiarato guerra alle prostitute e queste si sono fatte più prudenti ed hanno cominciato a ricevere in casa (abitano lì). La domenica probabilmente approfittano dell'assenza dei vigili urbani e si fanno più audaci. Noi abitiamo in un'altra regione ed è stato facile per l'agenzia e la proprietaria gabbarci omettendo che in quella zona viene esercitato il malaffare con tutto quello che ben sappiamo essere ad esso collegato. Esiste la possibilità d'impugnare l'atto, visto che questo vizio esterno alla proprietà e da noi ignorato al momento dell'atto, limita il tranquillo godimento dell'appartamento, la sicurezza di mio figlio e di chi lo frequenta e limita inoltre la possibilità di venderlo e nel caso succeda, ad un prezzo certamente molto più basso? Grazie. Distinti saluti



RISPOSTA



Non è possibile impugnare l’atto di vendita per i seguenti motivi:
la prostituzione presente nella zona non è un vizio dell’appartamento ma un problema di ordine pubblico, un problema delle forze dell’ordine, dei carabinieri e della polizia municipale.
Secondo l’articolo 1476 del codice civile, il venditore deve garantire il compratore dai vizi della cosa … vizi intrinseci dell’appartamento !!!

Art. 1476 del codice civile. Obbligazioni principali del venditore.

Le obbligazioni principali del venditore sono:
1) quella di consegnare la cosa al compratore;
2) quella di fargli acquistare la proprietà della cosa o il diritto, se l'acquisto non è effetto immediato del contratto;
3) quella di garantire il compratore dall'evizione e dai vizi della cosa.

Anche l’articolo 1497 del codice civile, fa riferimento alle qualità essenziali relative all’uso a cui è destinata l’abitazione: mancanza della certificazione prevista per legge per la caldaia, assenza del certificato di agibilità o dell’accatastamento, danni alla struttura portante dell’immobile.

Art. 1497 del codice civile. Mancanza di qualità.

Quando la cosa venduta non ha le qualità promesse ovvero quelle essenziali per l'uso a cui è destinata, il compratore ha diritto di ottenere la risoluzione del contratto secondo le disposizioni generali sulla risoluzione per inadempimento , purché il difetto di qualità ecceda i limiti di tolleranza stabiliti dagli usi.

Detto ciò, a mio parere, sebbene non ci siano i presupposti per annullare l’atto di vendita, potrebbero esserci tutti i requisiti per agire nei confronti dell’agenzia immobiliare.

L’agenzia immobiliare è sicuramente venuta meno alle regole di correttezza e buona fede tipiche del rapporto giuridico tra mandante e mandatario. Avrei necessità di leggere il contratto stipulato con l’agenzia immobiliare.
Il mio timore è il seguente: la presenza di clausole vessatorie in grado di neutralizzare la tua richiesta di risarcimento danni nei confronti dell’agenzia immobiliare.

Resto in attesa di un tuo riscontro.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale