Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Fideiussione del coniuge separato





Buongiorno, mio padre ha un contratto di affitto a Padova (4+4) con garante mia mamma (da Lui separata, ma in buoni rapporti). Mio papà è disoccupato , non ha proprietà, e in quest'ultimo periodo non riesce più a coprire il canone mensile, a discapito di mia mamma.

La domanda è: in caso di sfratto (non ancora avvenuto, ma già minacciato) e non pagamento dei canoni, i proprietari in che misura possono rifarsi su mia mamma (pensionata con la minima, proprietaria di un terreno agricolo e casa agricola)? se volesse, mia mamma riuscirebbe a togliersi come garante, in modo da lasciare la responsabilità tutta a mio papà? Vi ringrazio per la Vostra attenzione . Saluti



RISPOSTA



Tua mamma ha firmato come fideiussore per il contratto di locazione stipulato dal coniuge separato, ai sensi dell'articolo 1936 del codice civile.
In caso di sfratto per inadempimento al pagamento del canone, tua mamma risponderebbe per l'intero debito non onorato da tuo padre. Il creditore quindi, sottoporrebbe a pignoramento il terreno e la casa agricola della mamma ovvero, con maggiore probabilità, il quinto della sua pensione.

Art. 1936. Nozione.

È fideiussore colui che, obbligandosi personalmente verso il creditore, garantisce l'adempimento di un'obbligazione altrui.
La fideiussione è efficace anche se il debitore non ne ha conoscenza.

La misura della garanzia dovuta dalla mamma si estende anche agli interessi di mora ed al danno da svalutazione monetaria del capitale, ai sensi degli articoli 1941 e 1942 del codice civile.

Art. 1941. Limiti della fideiussione.

La fideiussione non può eccedere ciò che è dovuto dal debitore, né può essere prestata a condizioni più onerose.
Può prestarsi per una parte soltanto del debito o a condizioni meno onerose. La fideiussione eccedente il debito o contratta a condizioni più onerose è valida nei limiti dell'obbligazione principale.

Art. 1942. Estensione della fideiussione.

Salvo patto contrario, la fideiussione, si estende a tutti gli accessori del debito principale, nonché alle spese per la denunzia al fideiussore della causa promossa contro il debitore principale e alle spese successive.

Una volta che la mamma avrà onorato il debito del papà, sarà surrogata nei diritti del creditore e potrà agire in rivalsa nei confronti del coniuge, ai sensi degli articoli 1949 e 1950 del codice civile.

Art. 1949. Surrogazione del fideiussore nei diritti del creditore.

Il fideiussore che ha pagato il debito è surrogato nei diritti che il creditore aveva contro il debitore.

Art. 1950. Regresso contro il debitore principale.

Il fideiussore che ha pagato ha regresso contro il debitore principale, benché questi non fosse consapevole della prestata fideiussione.
Il regresso comprende il capitale, gli interessi e le spese che il fideiussore ha fatte dopo che ha denunziato al debitore principale le istanze proposte contro di lui.

La fideiussione non può estinguersi senza il consenso del creditore. Anzi ai sensi dell'articolo 1957 del codice civile, “Il fideiussore rimane obbligato anche dopo la scadenza dell'obbligazione principale, purché il creditore entro sei mesi abbia proposto le sue istanze contro il debitore e le abbia con diligenza continuate”.

Art. 1957. Scadenza dell'obbligazione principale.

Il fideiussore rimane obbligato anche dopo la scadenza dell'obbligazione principale, purché il creditore entro sei mesi abbia proposto le sue istanze contro il debitore e le abbia con diligenza continuate.
La disposizione si applica anche al caso in cui il fideiussore ha espressamente limitato la sua fideiussione allo stesso termine dell'obbligazione principale.
In questo caso però l'istanza contro il debitore deve essere proposta entro due mesi. L'istanza proposta contro il debitore interrompe la prescrizione anche nei confronti del fideiussore.

Tanto premesso, vorrei essere più preciso di così, ma ho necessità di leggere il contratto di locazione. Magari nel contratto sono previste delle limitazioni alla garanzia della mamma.
Potresti inviarmelo con una mail dopo averlo passato allo scanner ?

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale