Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Danni causati da nubifragi e dal maltempo: come chiedere il risarcimento





Gentile avvocato, la mia abitazione ha subito ingenti danni dai nubifragi dei giorni scorsi.

Vorrei sapere quando è possibile chiedere il risarcimento dei danni causati dalle calamità meteo al proprio comune. Quali sono i presupposti, cosa occorre fare quando ci si ritrova con la propria casa completamente allagata da un nubifragio di eccezionale entità.

Resto in attesa di un suo cordiale riscontro.

Cordiali saluti.



RISPOSTA



Il primo adempimento da compiere, è fare il possibile per documentare tutti i danni subiti dall’immobile di proprietà, in modo da poter avere la documentazione necessaria quando sarà il momento di presentare le richieste di risarcimento danni alla propria Regione di appartenenza.

E’ opportuno documentare i danni subiti dagli immobili, con fotografie e con relazioni tecniche a firma di tecnici abilitati. Queste ultime potranno ovviamente, essere utili anche in caso di richieste di risarcimento danni a compagnie assicuratrici.

In caso di eccezionale nubifragio, in genere, il Comune attiva i suoi tecnici per fare, appunto, la conta dei danni ai beni del patrimonio demaniale ed indisponibile dell’ente territoriale.
Successivamente il Comune chiede alla Regione la dichiarazione dello stato di calamità in ragione dei danni cagionati dal nubifragio.

La Regione sottopone tale richiesta alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Con ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è nominato un Commissario straordinario che con specifico decreto, definisce i criteri e le modalità di accesso ai rimborsi a favore dei cittadini; la struttura Protezione Civile del Comune infine, fornisce ai cittadini, tramite gli uffici relazioni con il pubblico URP, la modulistica e la documentazione necessaria alla presentazione delle richieste di contributo (a titolo di risarcimento danni).
Si tratta esattamente della prassi adottata dal Comune di Roma Capitale, per il nubifragio dello scorso 20 ottobre.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale