Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Proroga del contratto di locazione commerciale





Buongiorno, mi chiamo xxxxxxxxxxxx e sono la conduttrice di un locale commerciale per il quale ho avuto regolare disdetta dal proprietario. Lo stesso mi ha poi concesso una proroga di 3 anni in quanto spostare un bar non è cosa facile … Ora vedo che sulla ricevuta dell'agenzia delle entrate la proroga è di 6 anni. Vorrei sapere se tale proroga (che verbalmente era di 3 anni) è in verità di 6 anni e se può essere disdetta dal proprietario dell'immobile come un normale contratto. Se così fosse, con quali tempi di preavviso da parte sua. Tutto questo perchè da quando ci ha mandato la disdetta, i rapporti col proprietario non sono dei migliori e non vorrei vedermi un'altra disdetta, e sapere di avere ancora 5 anni sarebbe per mè motivo di tranquillità.
Grazie resto in attesa di un cortese riscontro e saluto cordialmente.



RISPOSTA



Confermo che in caso di divergenza tra quanto indicato per iscritto dall'agenzia delle entrate e quanto pattuito verbalmente tra locatore e locatario, prevale il documento scritto ufficiale dell'amministrazione competente alla registrazione.
Non solo …
Trattasi di locazione commerciale
La durata minima della locazione è di anni 6 + 6 anni di primo rinnovo obbligatorio. Il contratto di locazione può essere stipulato per un periodo più breve soltanto qualora l'attività esercitata o da esercitare nell'immobile abbia, per sua natura, carattere transitorio. La transitorietà è un requisito che deve essere indicato chiaramente per iscritto nel contratto.

Tanto premesso, una proroga per una durata inferiore a sei anni, per motivi transitori, deve essere indicata rigorosamente per iscritto; una proroga per una durata inferiore a sei anni, pattuita verbalmente, è nulla ossia giuridicamente inesistente.
Hai ancora cinque anni di contratto davanti a te !

Normativa di riferimento: articolo 27 e 28 della legge del 27 luglio 1978, n. 392 “Disciplina delle locazioni di immobili urbani”.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale