Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Diritto civile - Decreto ingiuntivo e termine perentorio di 40 giorni per fare opposizione



Pasquale da Bari:



Salve,ho ricevuto un decreto ingiuntivo in riferimento ad una polizza non pagata, premetto che nel 2008 avevo chiesto la disdetta,ma a causa di un trasferimento di locali da parte dell’agenzia non è stato firmato alcun documento di disdetta,in piena fiducia degli assicuratori in seguito non ho chiesto se tale disdetta fosse stata eseguita.Dalla data di scadenza della suddetta (febbraio 2009)non ho ricevuto alcun avviso da parte dell’agenzia,nonché una lettera dell’avvocato recapitato a casa di mia madre che a causa della sua età avanzata ha dimenticato di farmela pervenire quindi personalmente non l’ho mai ricevuta,adesso improvvisamente mi è arrivato il decreto ingiuntivo.In base a queste informazioni,posso appellarmi?facendo ricorso potrei evitare il pagamento di tale polizza?grazie.



RISPOSTA



Ai sensi dell'articolo 641, I comma del codice di procedura civile, puoi fare opposizione al decreto ingiuntivo, entro 40 giorni dalla notifica dello stesso, presentando ricorso all'autorità giudiziaria che lo ha emesso. E' necessaria l'assistenza di un avvocato per presentare il ricorso, depositandolo nella cancelleria del giudice competente.

Con la tempestiva presentazione del ricorso, instaurerai un ordinario processo di cognizione con la Compagnia assicurativa, impedendo che, alla scadenza dei 40 giorni, il decreto possa diventare esecutivo ed essere fatto valere dall'assicurazione, come titolo esecutivo per intraprendere un processo esecutivo nei tuoi confronti.

Non perdere altro tempo, rivolgiti immediatamente ad un avvocato di fiducia; il termine di 40 giorni è perentorio, quindi successivamente al compimento dello stesso, non avrai alcuna possibilità di tutelare le tue ragioni.

Nell'ambito del processo che instaurerai, a seguito della presentazione del ricorso, avrai la possibilità di far valere le tue ragioni, al fine di ottenere dal giudice, il rigetto delle pretese della controparte processuale e la sua condanna al pagamento delle spese processuali che avrai dovuto sopportare.

Relativamente al merito della questione, ritengo che il vizio di notifica dell'atto (la notifica è avvenuta a casa di tua madre e non presso la tua residenza), il comportamento posto in essere dall'assicurazione, caratterizzato da assoluta malafede, e la mancanza di una formale diffida nei tuoi confronti, preventiva rispetto alla notifica del decreto ingiuntivo, siano dei punti a tuo favore, particolarmente decisivi per il rigetto della domanda giudiziaria della Compagnia assicurativa.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale