Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Diritto di famiglia - Cessazione del fondo patrimoniale e vendita dei beni vincolati





3 anni fa  io e mio marito abbiamo costituito un fondo patrimoniale della nostra prima casa acquistata in comunione di beni.Ora per motivi di lavoro ci siamo trasferiti e vogliano comprare un piccolo appartamento nel nuovo comune di residenza e vorremmo che io diventassi unica proprietaria della prima casa facendo poi separazione dei beni e questo appartamento intestarlo a mio marito. Ma avendo costituiito il fondo patrimoniale e avendo due bimbi come possiamo muoverci? E' possibile chiedere lo scioglimento del fondo con il nostro consenso?
In attesa di un Vs. riscontro porgo distinti saluti.



RISPOSTA



La cessazione del fondo patrimoniale è disciplinata dall'articolo 171 del codice civile. Leggiamo innanzitutto la suddetta norma.

Art. 171 del codice civile. Cessazione del fondo.

La destinazione del fondo termina a seguito dell'annullamento o dello scioglimento o della cessazione degli effetti civili del matrimonio.
Se vi sono figli minori il fondo dura fino al compimento della maggiore età dell'ultimo figlio. In tale caso il giudice può dettare, su istanza di chi vi abbia interesse, norme per l'amministrazione del fondo.
Considerate le condizioni economiche dei genitori e dei figli ed ogni altra circostanza, il giudice può altresì attribuire ai figli, in godimento o in proprietà, una quota dei beni del fondo.
Se non vi sono figli, si applicano le disposizioni sullo scioglimento della comunione legale.

I presupposti della cessazione del fondo patrimoniale sono

1)divorzio dei coniugi o annullamento del matrimonio.

2)in presenza di figli minori, nonostante il divorzio dei genitori, il vincolo del fondo patrimoniale ha efficacia fino al raggiungimento della maggiore età dei figli.

Dobbiamo chiederci semmai, se è possibile vendere un singolo bene immobile facente parte del fondo patrimoniale (anche se mi sembra di capire che, nel tuo caso, il fondo patrimoniale è costituito da un solo immobile, attendo una tua conferma … ).

Leggiamo l'articolo 169 del codice civile.

Art. 169 del codice civile. Alienazione dei beni del fondo.

Se non è stato espressamente consentito nell'atto di costituzione, non si possono alienare, ipotecare, dare in pegno o comunque vincolare beni del fondo patrimoniale se non con il consenso di entrambi i coniugi e, se vi sono figli minori, con l'autorizzazione concessa dal giudice, con provvedimento emesso in camera di consiglio, nei soli casi di necessità od utilità evidente.

Poiché vi sono figli minori, per alienare l'immobile vincolato al fondo patrimoniale, è necessaria l'autorizzazione concessa dal giudice (tribunale civile), “con provvedimento emesso in camera di consiglio, nei soli casi di necessità od utilità evidente”.

Nella fattispecie in questione, la necessità di vendere l'immobile vincolato, per acquistarne in seguito un altro in diversa località, è evidente; pertanto il giudice concederà senza ombra di dubbio, l'autorizzazione a vendere l'immobile vincolato.
Dovete tuttavia, rivolgervi al vostro avvocato di fiducia per presentare ricorso al tribunale civile.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.

CODICE CIVILE

Sezione II - Del fondo patrimoniale

Art. 167. Costituzione del fondo patrimoniale.


Ciascuno o ambedue i coniugi, per atto pubblico, o un terzo, anche per testamento, possono costituire un fondo patrimoniale, destinando determinati beni, immobili o mobili iscritti in pubblici registri, o titoli di credito, a far fronte ai bisogni della famiglia. La costituzione del fondo patrimoniale per atto tra vivi, effettuata dal terzo, si perfeziona con l'accettazione dei coniugi.
L'accettazione può essere fatta con atto pubblico posteriore.
La costituzione può essere fatta anche durante il matrimonio.
I titoli di credito devono essere vincolati rendendoli nominativi con annotazione del vincolo o in altro modo idoneo.


Art. 168. Impiego ed amministrazione del fondo.

La proprietà dei beni costituenti il fondo patrimoniale spetta ad entrambi i coniugi, salvo che sia diversamente stabilito nell'atto di costituzione.
I frutti dei beni costituenti il fondo patrimoniale sono impiegati per i bisogni della famiglia.
L'amministrazione dei beni costituenti il fondo patrimoniale è regolata dalle norme relative all'amministrazione della comunione legale.

Art. 169. Alienazione dei beni del fondo.

Se non è stato espressamente consentito nell'atto di costituzione, non si possono alienare, ipotecare, dare in pegno o comunque vincolare beni del fondo patrimoniale se non con il consenso di entrambi i coniugi e, se vi sono figli minori, con l'autorizzazione concessa dal giudice, con provvedimento emesso in camera di consiglio, nei soli casi di necessità od utilità evidente.

Art. 170. Esecuzione sui beni e sui frutti.

La esecuzione sui beni del fondo e sui frutti di essi non può aver luogo per debiti che il creditore conosceva essere stati contratti per scopi estranei ai bisogni della famiglia.

Art. 171. Cessazione del fondo.

La destinazione del fondo termina a seguito dell'annullamento o dello scioglimento o della cessazione degli effetti civili del matrimonio.
Se vi sono figli minori il fondo dura fino al compimento della maggiore età dell'ultimo figlio. In tale caso il giudice può dettare, su istanza di chi vi abbia interesse, norme per l'amministrazione del fondo.
Considerate le condizioni economiche dei genitori e dei figli ed ogni altra circostanza, il giudice può altresì attribuire ai figli, in godimento o in proprietà, una quota dei beni del fondo.
Se non vi sono figli, si applicano le disposizioni sullo scioglimento della comunione legale.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale