Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Sesso nel bagno: atti osceni in luogo pubblico





Vorrei sapere se essere sorpresi dall'autorità giudiziaria all'interno di un bagno, comunque chiuso a chiave, di un cinema, con la mia ragazza di diciannove anni, può comportare una denuncia per un qualche reato. Grazie molto e saluti.



RISPOSTA



No, nel modo più assoluto.
Fare sesso con una persona maggiorenne non è sicuramente un reato …
Non avete commesso nemmeno il reato di atti osceni in luogo pubblico, previsto dall'articolo 527 e seguenti del codice penale.

Il testo dell’art. 527 del codice penale è il seguente:
“Chiunque, in un luogo pubblico o aperto o esposto al pubblico, compie atti osceni è punito con la reclusione da tre mesi a tre anni.
Se il fatto avviene per colpa, si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da € 51 a € 309”.


Tale reato non può essersi configurato perché al momento del rapporto sessuale, la porta del bagno del cinema era chiusa a chiave. Perché si perfezioni il reato è richiesta la coscienza e la volontà di offendere il pudore sessuale.
Occorre quindi valutare nel singolo caso, il contesto ambientale e le circostanze di tempo e luogo di commissione dei fatti per determinare l'effettiva visibilità e quindi "pubblicità" del comportamento. Allego la massima di una sentenza di assoluzione, nel caso di rapporti sessuali in automobile, in quanto gli amanti avevano posto in essere mezzi idonei a celare la visione dall'esterno, applicando tendine o giornali coprenti sul parabrezza.

“Con riferimento all'ipotesi delittuosa di atti osceni l'abitacolo di una automobile, ferma in zona di campagna collegata con una pubblica via, deve considerarsi luogo esposto al pubblico in relazione alla possibilità in concreto di vedere all'esterno attraverso i vetri ciò che avviene nell'interno. Il reato esula soltanto, quando, per gli accorgimenti usati dagli occupanti, sia escluso, non aprendo gli sportelli, ogni pericolo di visibilità anche fugace dell'atto osceno”.
Cassazione  penale, sezione  III, sentenza 26 ottobre 1970, n. 1121

Aver chiuso la porta del bagno a chiave, significa avere posto in essere gli accorgimenti essenziali per evitare di rendere visibile agli altri il rapporto sessuale. Discorso diverso se il rapporto sessuale si fosse consumato nella sala del cinema, durante la proiezione del film !!!

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale