Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Contratto di apprendistato professionalizzante dimissioni





Buon giorno, attualmento lavoro con un contratto di apprendistato professionalizzante (accordo 25 marzo 2012 CONFCOMMERCIO) della durata di 3 anni. Ho fatto un periodo di prova di 45 giorni. Ho notato sul CCNL del commercio che per il mio livello (VI) la normativa prevede 20 giorni di preavviso.
Qualora volessi recedere dal contratto e mi servissero meno dei giorni di preavviso previsti, lo posso fare? Se si quali sono le conseguenze economiche (TFR, ferie non godute ecc)? La ringrazio



RISPOSTA



Durante il periodo di apprendistato, si applica la disciplina generale del contratto a tempo indeterminato, anche in materia di termini di preavviso per le dimissioni e di recesso unilaterale dal contratto di lavoro.
Di conseguenza, dobbiamo fare riferimento a quanto previsto dalla contrattazione collettiva, settore commercio e terziario, per quanto riguarda i termini di preavviso e le conseguenze del mancato rispetto degli stessi da parte del lavoratore dipendente.

Premetto che non è consentito al datore di lavoro di recedere durante il periodo di formazione in assenza di una giusta causa o di un giustificato motivo. Il lavoratore invece, può recedere dal rapporto di lavoro, nel rispetto del termine di preavviso di cui sopra.
Il lavoratore potrebbe anche recedere dal contratto senza rispettare il termine di preavviso di 20 giorni; con quali conseguenze ?
E' espressamente indicato nel contratto collettivo commercio – terziario.

Il lavoratore dipendente che risolve il rapporto di lavoro senza termini di preavviso deve corrispondere all’altra (datore di lavoro) una indennità pari all’importo della retribuzione per il periodo di mancato preavviso.

L'unica conseguenza giuridico - sanzionatoria del mancato rispetto del preavviso di dimissioni, è l'obbligo per il dipendente di versare un'indennità di mancato preavviso, pari alla retribuzione proporzionata/commisurata ai giorni di mancato preavviso (laddove dovessero essere inferiori a venti).

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti



Dimissioni apprendista, periodo di preavviso inquadramento contrattuale risultati percorso professionale conseguimento livello contrattuale più elevato





Salve,Ho un contratto di apprendistato settore metalmeccanico della durata di 3 anni che ho firmato a giugno 2015.Ho deciso di dimettermi e per quanto ne sappia si applica quanto previsto dal CCNL. Il.Il mio datore di lavoro sostiene che io debba dare 45 giorni di preavviso in quanto l'inquadramento finale del contratto è al quarto livello.Inquadramento che però verrà raggiunto solo nel 2018 in quanto il mio inquadramento attuale (inclusa la retribuzione) è al secondo livello.Al secondo livello il preavviso di dimissioni è di 10 giorni.Come stanno realmente le cose?Grazie.



RISPOSTA



Confermo quello che hai scritto: il preavviso di dimissioni è pari a 10 giorni per i seguenti motivi.

Premesso che

1) nel contratto di apprendistato i termini per il preavviso dimissioni variano in base al tipo di contratto che si è firmato. La durata del periodo di preavviso è determinata dalla contrattazione collettiva ma può essere modificata in caso di accordo tra le parti.

2) L'apprendistato è un contratto di lavoro caratterizzato da un contenuto formativo: il datore di lavoro, oltre a pagare la retribuzione all'apprendista per il lavoro svolto, è obbligato a garantire all'apprendista la formazione necessaria per acquisire competenze professionali adeguate al ruolo e alle mansioni per cui è stato assunto. L’apprendista ha, a sua volta, l’obbligo di seguire il percorso formativo che può essere svolto internamente o esternamente all'azienda.

3) L'articolo 2 comma 1 lettera F, del decreto legislativo del 14 settembre 2011, n. 167, prevede la
“possibilità' del riconoscimento, sulla base dei risultati conseguiti all'interno del percorso di formazione, esterna e interna alla impresa, della qualifica professionale ai fini contrattuali e delle competenze acquisite ai fini del proseguimento degli studi nonché' nei percorsi di istruzione degli adulti”

Attenzione a quest'ultima norma … prevede la possibilità di assumere come secondo livello l'apprendistato e, se i risultati conseguiti all'interno del percorso di formazione saranno positivi, consentirgli di conseguire il quarto livello al termine del triennio lavorativo.
Il conseguimento del quarto livello è quindi incerto per natura, in quanto condizionato al raggiungimento di risultati positivi da parte dell'apprendista. Poiché non hai terminato il percorso professionale, non avendo conseguito alcun risultato, giuridicamente devi essere considerato un secondo livello e come tale, devi dare un preavviso di dimissioni di giorni dieci.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale