Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Risarcimento del danno proveniente dall'appartamento del vicino, caso alluvione





Vorrei chieder Vi una piccola consulenza su un evento occorso al mio nuovo appartamento a Genova:

ho comprato l'immobile a Maggio 2014 (6° piano di 7)

a Settembre 2014 ho iniziato i lavori di ristrutturazione (impianti, pavimenti, nuovi muri, etc.)

a Ottobre 2014 durante una delle forti piogge che ha colpito Genova, notiamo una grande macchia sul soffitto di una camera che è in corrispondenza di un balconcino ad uso esclusivo dell'appartamento soprastante.

in questa occasione l'impresa che eseguiva i lavori era nel pieno delle opere e non abbiamo fatto altro che segnalare l'accaduto al condomino di sopra e all'amministratore e dopo aver fatto asciugare la macchia l'impresa ha applicato nuovo intonaco e pittura. in questa occasione non abbiamo chiesto ovviamente nessun risarcimento.

a Dicembre 2014 (altre forti piogge a Genova) notiamo nuova macchia di umidità in corrispondenza dello stesso terrazzino della vicina di sopra. A questo punto però l'appartamento era ultimato e l'impresa andata via.
abbiamo segnalato nuovamente la questione alla vicina di sopra e all'Amministratore in attesa di un riscontro e di un possibile risarcimento.

da poco la vicina di sopra ci ha risposto in questi termini

*"Trattandosi di un danno causato da un evento straordinario (ricordo che la macchia si è manifestata a seguito dell'alluvione dell'Ottobre 2014) non si potrà contare sull'assicurazione condominiale.*

*Analogamente non si può ricondurre questo danno ad una mia diretta responsabilità in quanto non è stato generato da mia incuria (ho fatto verificare le soglie dei terrazzi in corrispondenza dei quali si è verificato il danno e non risultano avere problemi di danneggiamento);
purtroppo, come a Lei noto, in occasione delle precipitazioni intense di Ottobre il mio terrazzino del lato nord non è riuscito a scaricare l'acqua che, superando la soglia del terrazzo, si è infiltrata sotto la finestra ed ha allagato il vano bagno: io stessa ho subito un danno da questo evento (si è gonfiata la porta finestra e lo stesso parquet). Tengo a precisare che, trattenendomi fuori casa per l'intera giornata, il giorno 10 ottobre mi ero premurata di chiudere anche le persiane di tutti i terrazzi proprio per preservare la casa da eventuali infiltrazioni: tutti i terrazzi non hanno avuto problemi, ad eccezione di quello esposto al lato nord evidentemente più esposto al fenomeno."*

l'impresa ci ha quantificato una spesa di circa EUR 2000 per ripristinare il soffitto "coinvolto" , mi chiedevo se ho possibilità di chiedere ed ottenere rimborso per questa cifra oppure ha ragione la vicina di sopra sostenendo che per "cause eccezionali" questo non è dovuto?



RISPOSTA



Confermo la correttezza di quanto affermato dalla vicina; il danno che hai subito, rientra nella fattispecie di cui all'articolo 2051 del codice civile, ossia un danno proveniente dall'appartamento vicino. Sebbene il proprietario dell'appartamento sia responsabile oggettivamente dei danni cagionati dalla “cosa in custodia” (l'appartamento) egli può sollevarsi da ogni responsabilità, dimostrando il caso fortuito dovuto a forza maggiore, come il caso dell'alluvione di Genova.

Art. 2051 del codice civile.Danno cagionato da cosa in custodia.

Ciascuno è responsabile del danno cagionato dalle cose che ha in custodia, salvo che provi il caso fortuito.

A conferma, vorrei ricordare quanto previsto dalla giurisprudenza della Cassazione.

In tema di fortuito ed eventi atmosferici la Suprema Corte ha affermato quanto segue: ” possono integrare il caso fortuito precipitazioni imprevedibile o di eccezionale entita' ed e' noto che l'evento imprevedibile costituisce caso fortuito e non determina responsabilità” (Cassazione Sentenza numero 5133/1998; Cass sezioni unite sentenza 8308/1987); al fine pertanto di stabilire se ricorre o meno la causa di esclusione da ogni responsabilità occorre verificare se l'evento atmosferico accaduto nel caso specifico possa integrare gli estremi dell'imprevedibilità o dell'eccezionale entità.

Nel caso specifico, è un fatto noto a tutti che l'alluvione di Genova abbia avuto dimensioni tali da renderla a dir poco apocalittica, quindi il caso fortuito esclude la responsabilità sia della vicina che dell'assicurazione condominiale.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale