Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Scarsa convenienza dell'assicurazione Kasko per un'auto usata con un basso valore di mercato





Ho fatto riparare la mia auto dopo un incidente stradale per mia causa. Ho la Kasco pertanto l'assicurazione pagherà alla carrozzeria buona parte del danno, la rimanenza l'ho già pagata al ritiro della vettura.
Mi sono accorto però che sono stati utilizzati pezzi di ricambio usati, pertanto vorrei un rimborso dalla carrozzeria.
Nel caso (probabile) di una risposta negativa, posso fare causa alla carrozzeria per riavere dei soldi o per farmi sistemare la vettura con pezzi nuovi ed originali?
Grazie e buona giornata

RISPOSTA



Ho necessità di chiederti dei chiarimenti: qual è la tua vettura, quanti kilometri ha percorso e qual è l'attuale valore di mercato del mezzo, secondo le valutazioni relative alle auto usate di quattroruote.

Perché ho necessità di questi chiarimenti?
Facciamo un esempio concreto: hai avuto una collisione con un altro veicolo e hai riportato danni alla tua Fiat Panda usata, immatricolata nel 2009, con un kilometraggio di 220.000 Km ed un valore commerciale attuale pari a 2000 euro, secondo le valutazioni di quattroruote relative alle auto usate.
Se è vero che la garanzia Kasko offre una copertura più completa rispetto alla sola polizza Rc auto, è anche vero che ferma restando una franchigia che rimane a carico dell'assicurato, l'importo complessivo del risarcimento, non può superare il valore commerciale del veicolo al momento in cui si è verificato il danno.
Immaginiamo che occorre cambiare, a seguito del sinistro, tutta la parte anteriore del veicolo e che, secondo il listino dei pezzi di ricambio nuovi della Fiat, i pezzi di ricambio nuovi avrebbero un prezzo complessivo di 4500 euro, ossia oltre il doppio del valore attuale di mercato dell'auto usata ed incidentata.
Il carrozziere, al solo fine di “stare dentro” all'indennizzo assicurativo che non poteva essere superiore a 2000 euro, ossia il valore di mercato della tua Fiat Panda usata, ha acquistato pezzi di ricambio appunto usati!

Stipulare una polizza kasko infatti è vantaggioso se hai appena acquistato un’auto nuova e molto costosa, le cui riparazioni potrebbero costare anche diverse migliaia di euro!

Dovremmo quindi chiederci per quale motivo la carrozzeria ha utilizzato pezzi di ricambio usati e non nuovi! Per contenere le spese entro l'importo dell'indennizzo liquidato dall’assicurazione?
Se le cose stanno così, non potresti intraprendere nessuna causa al carrozziere!

Tanto premesso, prima di intraprendere una causa con il carrozziere, confrontiamo l'indennizzo liquidato dalla tua assicurazione, in ragione della polizza Kasko, con il valore di mercato della tua vettura e con i prezzi dei pezzi di ricambio nuovi e usati! Spesso i carrozzieri sono costretti ad utilizzare pezzi di ricambio usati, per contenere le spese entro il valore massimo liquidabile secondo l'assicurazione Kasko, ossia il valore di mercato dell'auto usata che ha subito il danno!

Non escludo che una volta approfondita la questione, tu debba intraprendere una causa civile non tanto nei confronti del carrozziere, quanto nei confronti dell'assicurazione che avrebbe liquidato un importo di gran lunga inferiore all'attuale valore di mercato del tuo veicolo (importo massimo liquidabile).

I termini di prescrizione del diritto al risarcimento del danno subito nei confronti della compagnia assicuratrice, come indicato dall’art. 2947, comma 2 del codice civile, sono di due anni per il risarcimento del danno prodotto dalla circolazione dei veicoli di ogni specie. Entro tali termini il soggetto danneggiato può chiedere il risarcimento.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti: