Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Diritto privato - Sospensione feriale dei termini processuali e decreto legge relativo al terremoto che ha colpito l'Abruzzo



Antonio da Chieti:



Spett. staff.
Vi espongo in breve il mio quesito:

dopo un'attesa di 10 anni per una sentenza in merito all'acquisto di un terreno, in data 16 dicembre 2008 il giudice del tribunale di Ortona (CH) sezione distaccata di CHIETI, deposita in cancelleria le sue conclusioni, purtroppo negative per me.
Ma a parte questo esito del tutto discutibile, la sentenza viene notificata dall'avvocato della controparte al mio avvocato il 04 giugno 2009.
Al dunque il dubbio è questo: desidero sapere con certezza se alla data di oggi sono ancora nei tempi utili per ricorrere in appello, considerando che vi scrivo dall'abruzzo dove il presidente del consiglio ha emanato delle ordinanze e decreti per il sisma del 06 aprile 2009, in merito ai tempi dei ricorsi, e considerando che il 1° grado si è svolto ad Ortona (CH) sezione distaccata di CHIETI, paese che dovrebbe(?) essere fuori dall'elenco dei comuni del cratere del terremoto.
Dato che dalle notizie in mio possesso, dopo la notifica si dovrebbe far ricorso per l'appello entro 30 giorni (correggetemi se sbaglio), però il decreto Abruzzo pare (?) abbia bloccato tutte le scadenze (ma non so quali!) fino alla fine di luglio 2009, poi dal 01 agosto al 15 settembre 2009 ci sono le ferie degli avvocati e tribunali, non ancora riesco a capire se i 30 giorni sono irrimediabilmente scaduti il 04 luglio 2009, cioè 30 giorni dopo la notifica, oppure se con le sospensioni per il sisma e le ferie i 30 giorni decorrono dal 15 settembre per scadere il 15 ottobre 2009.
Vi ringrazio in anticipo per i dettagliati chiarimenti che (per favore) mi darete a brevissimo.

DISTINTI SALUTI



RISPOSTA



Mi dispiace, ma la sospensione dei termini processuali, tra cui il termine per proporre appello di 30 giorni dalla notifica della sentenza, ha efficacia, ai sensi dell'articolo 5 del decreto legge n. 39 del 2009, esclusivamente per i comuni colpiti dal terremoto, con un'intensità MSC uguale o superiore al sesto grado.
Gli uffici giudiziari ubicati nei suddetti comuni potranno unire tale sospensione dei termini, con la sospensione feriale, prevista dal codice di procedura civile, dal primo agosto al 15 settembre.
I comuni interessati dalla sospensione di legge sono indicati dal decreto del commissario delegato n. 3 del 16/04/2009.
Il territorio della provincia di Chieti non è stato colpito dal terremoto.
Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale