Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Obbligo del portiere di trascorrere la notte nell'alloggio di servizio



 

Nadia da Cosenza:

SALVE, MIO PAPA' FA IL PORTIERE DA 20 ANNI IN UN PARCO ESTIVO DI 250 APPARTAMENTI. INIZIALMENTE E' STATO ASSUNTO COME OPERAIO E SUCCESSIVAMENTE COME PORTIERE CON ALLOGGIO. POICHE' ABBIAMO COMPRATO UNA CASA VORREI SAPERE SE LUI E' OBBLIGATO A DORMIRE NELLA CASA DEL PARCO OPPURE DEVE GARANTIRE LA REPERIBILITA' MA PUO' DORMIRE ALTROVE.
LA RINGRAZIO

 

RISPOSTA

Il portiere a cui è stato assegnato l'alloggio, in genere, ha l'obbligo di trascorrere la notte, all'interno dello stesso, salvo che nel contratto sia contenuta una diversa previsione. E' irrilevante, ai fini della configurazione degli obblighi del lavoratore dipendente in questione, la circostanza che il portiere abbia acquistato un appartamento, per sè e per la sua famiglia.
Tuttavia, le previsioni contrattuali possono prevedere la possibilità, per tuo padre, di ottemperare ai suoi doveri, semplicemente, rendendosi disponibile in caso di necessità, durante le ore notturne.
Invia al nostro sito, via e-mail, il contratto stipulato da tuo padre; soltanto dopo avere letto le disposizioni contenute nello stesso, sarò in grado di rispondere, con sicurezza, alla tua domanda.
Cordiali saluti

 

 

 

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale