Questo sito utilizza i cookies per gestire la navigazione ed altre funzioni

L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Diritto privato - Inadempimento di un sito internet di aste al ribasso



Nicolas da Asti:



Salve io ho un sito di aste al ribasso,ma non ci sono abbastanza iscritti,per sostenere le spese,un utente ha vinto 3 oggetti,ma io gli hodetto che il sito è ancora in programmazione e il sito non ha abbastanzafondi,quindi,gli ho detto che gli avrei ridato i suoi soldi indietro,cioè,70e,che è il versamento che ha fatto lui per acquistare icrediti per giocare.LUI mi ha risposto così:

Mi dispiace ma tra le scuse che poteva sceglierequesta è la peggiore.Il sito risulta perfettamente agibile (ho potuto effettuare una registrazione e una ricarica),ed è pieno di aste (tra cui addirittura un automobile) in corso eterminate. Se il sito era inagibile potevaindicarlo nelle news, invece ciascuna di esse lascia intendere che il sitoè perfettamente agibile. comunque la questione non si risolve con le chiacchiere, ho già consultatodal registro pubblico il titolare del sito che risulta essere: N. P.



RISPOSTA



Il titolare del sito si è reso inadempiente ai sensi dell'articolo 1218 del codice civile:"Il debitore che non esegue perfettamente la prestazione dovuta è tenuto al risarcimento del danno, se non prova che l'inadempimento o il ritardo è stato determinato da impossibilità della prestazione derivante da causa a lui non imputabile".

Ai sensi della suddetta norma, egli è tenuto non soltanto a restituire i soldi ricevuti da tutti coloro che si sono collegati al suo sito, ma anche a risarcire il danno cagionato dalla mancata segnalazione dell'inagibilità dello stesso.

La legge prevede una prova liberatoria, al fine di escludere ogni forma di responsabilità risarcitoria; occorre dimostrare che la mancata segnalazione dell'inagibilità sia stata determinata da eventi eccezionali non imputabili al titolare del sito.Dal contenuto della mail, mi sembra che non possano sussistere quelle circostanze eccezionali, idonee ad escudere la sua responsabilità.

Ti consiglio pertanto, di rivolgerti ad un avvocato e di citare in giudizio il titolare del sito; quest'ultimo è obbligato a consegnarti gli oggetti che hai vinto ovvero a versare un importo corrispondente al valore di mercato degli oggetti.
Cordiali saluti.

Paga la tua consulenza

Inserisci il Costo

Easy Joomla Paypal Payment / Donations Module

Cerca Consulenza legale